Genova, fa le pulizie sotto letto del figlio e trova cadavere della vicina

37

Genova, 2 mag. (Adnkronos) – Il cadavere di una donna è stato ritrovato ieri sera in un appartamento di via Lagaccio 2, a Genova. L’86enne era scomparsa da casa il 28 aprile scorso e i suoi familiari allarmati avevano sporto denuncia alla polizia per la sparizione. E’ invece stata ritrovata senza vita all’interno dell’abitazione dei vicini di casa, al piano inferiore dello stabile in cui risiedeva.

Il corpo di Anna Carla Arecco, che presenta una grossa ferita alla testa, era nascosto sotto il letto in camera del figlio dei vicini.

A scoprirlo è stata la madre dell’uomo, che stava facendo alcune pulizie domestiche ed è stata richiamata dal forte odore proveniente dalla stanza. Pierluigi Bonfiglio, cuoco di 34 anni, è stato accompagnato in serata presso il comando provinciale di Forte San Giuliano dai carabinieri. Dopo un lungo interrogatorio, ha confessato dicendo di avere fatto “una sciocchezza” e, dopo aver collaborato per ricostruire la dinamica dell’accaduto, ha però ritrattato in parte facendo il nome di un complice.

Secondo le prime ricostruzioni l’omicidio è avvenuto tra venerdì e sabato scorsi. Il movente sarebbe stato la necessità di denaro per acquistare stupefacenti. In un primo momento aveva detto che, dopo aver attirato l’anziana in casa con una scusa, l’ha colpita alla nuca con un oggetto contundente e, dopo il delitto, si è introdotto in casa della donna portando via oro e preziosi. Bonfiglio ha aggiunto di aver poi consegnato tutto al suo pusher in cambio di alcune dosi. Secondo le forze dell’ordine il 34enne era un soggetto con dipendenze in cura presso il Sert.

Stamattina l’uomo ha invece spiegato di essere salito in casa della vicina venerdì sera accompagnato dal suo spacciatore. Poi ha riferito che il pusher sarebbe sceso nel suo appartamento insieme all’anziana, mentre lui è rimasto nell’abitazione della donna per portare via preziosi e gioielli, successivamente rivenduti. Al vaglio degli investigatori il racconto dell’uomo, mentre ancora non si trovano l’arma del delitto e le chiavi di casa della vittima.

Il cadavere della donna, che addosso aveva una vestaglia da casa ed era sparita senza lasciare traccia, è stato occultato sotto il letto nella stanza del 34enne che spesso chiudeva a chiave la porta. L’uomo è in carcere a Marassi in stato di fermo per omicidio volontario, rapina e occultamento di cadavere.