Geologi, arriva in Campania la prima mappatura del territorio

95
in foto Domenico Calcaterra, direttore del Dipartimento di Scienze della Terra, dell'Ambiente e delle Risorse

E’ arrivata in Campania la mappatura geologica del territorio regionale: l’ha presentata ieri, nelle aule del DiStar (complesso universitario di Monte S. Angelo) dell’Università di Napoli Federico II, l’Ordine dei Geologi della Campania. “Il DiStar della Federico II e’ parte attiva di questo progetto – spiega Domenico Calcaterra, direttore del Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Ambiente e delle Risorse – Molti dei nostri ricercatori sono impegnati sui temi dei rischi geologici e delle georisorse. Iniziative come quella odierna sono una concreta espressione della cosiddetta “terza missione” che vede le università italiane, e questo ateneo in particolare, impegnate a diffondere le conoscenze scientifiche nella societa’”. “La conoscenza della geologia del territorio è fondamentale per rendere fruibili le risorse e gestire meglio i rischi – ha affermato Stefano Vitale e Sabatino Ciarcia autori della carta geologica regionale – l’ultima carta geologica di sintesi della Campania risale alla fine degli anni ’80. Da qui la necessita’ di produrre una nuova cartografia realizzata con criteri moderni”. Erano anni che il mondo scientifico e professionale attendeva un elaborato di sintesi da poter utilizzare come base di lavoro per la gestione del territorio regionale. “Questo convegno – ha sottolineato Sandro Conticelli, presidente della Societa’ Geologica Italiana – e’ anche un’occasione per rilanciare ancora una volta il progetto di cartografia geologica nazionale (Carg) piu’ volte da noi richiamato nelle sedi istituzionali”.