Germania, al fisico Angelo Vulpiani la medaglia dell’Unione Europea Geoscienze

22

La medaglia Lewis Fry Richardson, che dal 1997 viene assegnata dalla European Geosciences Union per “contributi eccezionali alla geofisica non lineare” quest’anno è andata all’italiano Angelo Vulpiani, professore di Fisica teorica presso il dipartimento di Fisica dell’Università Sapienza di Roma “per i suoi contributi alla risonanza stocastica, come meccanismo per la variabilità climatica, lo sviluppo di multifrattali per descrivere la turbolenza e i sistemi caotici, e le sue implicazioni per la prevedibilità”.

Il riconoscimento, che premia contributi e scoperte nell’ambito degli studi teorici e matematici delle geoscienze è stato conferito a Vulpiani per i suoi studi sulla separazione delle coppie di particelle in turbolenza. Angelo Vulpiani ha studiato fisica presso l’Università La Sapienza di Roma, dove si è laureato nel 1977 . Dopo tre anni da borsista presso il CNR a Roma, nel 1981 è diventato ricercatore presso La Sapienza. Nel 1988 si è poi trasferito all’Università dell’Aquila come professore associato, tornando poi a La Sapienza nel 1991, dove dal 2000 è professore ordinario di fisica teorica presso il Dipartimento di Fisica. Nel 2021 ha ricevuto il Statistical and Nonlinear Physics Prize dell’European Physical Society, a riconoscimento dei suoi contributi al campo della meccanica statistica.