Germania e Usa, non si arresta la crisi diplomatica

54

Mercoledì 31 Maggio 2023, dopo averlo comunicato al Cremlino, Berlino ha annunciato la chiusura di quattro dei cinque consolati russi in Germania. Rimarranno aperti solo l’Ambasciata russa a Berlino di cui l’Ambasciatore Sergey Nechaev e un consolato.  La Russia ha consolati a Bonn, Francoforte, Amburgo, Lipsia e Monaco, con il ministero degli Esteri – informato bruscamente dagli omologhi tedeschi – che deciderà quali chiudere e tenere aperti. Si tratta, evidentemente, di una misura di ritorsione, dopo che Mosca ha recentemente ordinato di limitare a 350 il numero di diplomatici tedeschi autorizzati a rimanere in Russia, compresi quelli che lavorano in enti culturali e scuole.  Nei giorni scorsi, infatti, Mosca aveva deciso di ridurre di 280 unità, entro la data del 1° giugno, il numero dei dipendenti dello Stato tedesco che lavorano in Russia, su un totale di oltre 600. Molti di loro sono russi, o con doppia cittadinanza.  Lo stesso Vladimir Putin – essendo stato del “mestiere” ai tempi del KGB, di stanza cinque anni proprio in Germania (dell’Est), a Dresda – è ossessionato dai diplomatici e dai funzionari di ambasciate e consolati: in loro vede potenziali spie… Nel bel mezzo di una situazione di stallo, la Germania si vede costretta a ridurre al minimo la sua sede diplomatica aperta in Russia: Berlino chiuderà i suoi consolati a Ekaterinburg, Novosibirsk e Kaliningrad entro novembre. Rimarranno aperti solo l’Ambasciata a Mosca e il consolato a San Pietroburgo.  La mossa riflette un nuovo minimo storico nelle relazioni tra Mosca e Berlino,  dall’inizio della guerra in Ucraina, il 24 febbraio 2022.