Germania, il Made in Italy dei videogiochi alla Gamescom di Colonia

24

Gamescom, la più importante fiera del gaming in Europa, in programma dal 21 al 25 agosto 2018 in Germania presso la Koelnmesse di Colonia, vedrà la partecipazione di una delegazione italiana composta da 14 studi di sviluppo di videogiochi che presenteranno, al pubblico ed agli operatori internazionali di settore, una line up di oltre 20 titoli realizzati per tutte le piattaforme di gioco – console, PC, Mac e mobile. Le aziende, riunite sotto il brand “Games in Italy”, occuperanno per il quarto anno consecutivo gli spazi del Padiglione Italiano, ubicato nell’area business della fiera. Lo annunciano il ministero dello Sviluppo economico, l’agenzia Ice e Aesvi, l’associazione che rappresenta l’industria videoludica italiana. “La nostra presenza alla fiera europea più importante del settore testimonia la fase di grande fermento che sta vivendo l’industria dei videogiochi in Italia, dopo un 2017 di grandi riconoscimenti per i nostri produttori a livello internazionale”, spiega Thalita Malago, direttore generale di Aesvi, “ci auguriamo che il settore possa continuare a crescere e a sperimentare nuove frontiere a livello di creatività e di tecnologia per lasciare un segno importante nello scenario competitivo globale”. Per il momento, il mercato dei videogiochi in Italia ha chiuso il 2017 con un fatturato di quasi 1,5 miliardi di euro per le vendite di console, accessori e software, confermando una fase positiva di crescita soprattutto in un’ottica di internazionalizzazione. Gli sviluppatori italiani, infatti uardano più ai mercati esteri che a quello interno come destinatari dei propri prodotti: il 93% esporta in Europa, l’83% in Nord America, il 64% in Asia e il 58% in Sud America. Dal punto di vista della produzione, l’Italia non appare ancora nella lista dei principali paesi, ma – secondo ministero, Ice e Aesvi – ha “ottime possibilità di scalare posizioni”, poiché la maggior parte degli oltre 120 studi di sviluppo italiani operanti nel settore è entrata sul mercato negli ultimi tre anni.