Gesac, via libera dal Consiglio di Stato per il master plan dell’Aeroporto di Salerno

85

Riprendono i lavori per l’ampliamento dell’aeroporto di Salerno Costa d’Amalfi. La pronuncia del Consiglio di Stato respinge integralmente e definitivamente il ricorso presentato da alcuni cittadini in merito alla compatibilità ambientale del Master Plan del secondo aeroporto della Campania integrato con quello di Capodichino. Nove mesi di stop, ma ora si accelera per i necessari interventi per l’adeguamento e potenziamento dell’infrastruttura aeroportuale: un’opera che sarà un decisivo volano di sviluppo per il territorio e per l’intera regione. “La Campania avrà il suo secondo aeroporto. In un periodo nero per il trasporto aereo, la sentenza del Consiglio di stato che certifica la bontà del Master Plan presentato dalla Gesac per la realizzazione dei lavori di ampliamento e modernizzazione dell’aeroporto Costa d’Amalfi, è una gran bella notizia. L’aeroporto di Capodichino, prima che scoppiasse la pandemia, era al collasso visti i numeri record di passeggeri: con la fusione per incorporazione da parte di Gesac Napoli nei confronti dell’aeroporto Costa d’Amalfi si era dato il via ad un percorso che avrebbe garantito l’occupazione attuale e sviluppato nuovi posti di lavoro e pertanto come Fit Cisl avevamo accolto con piacere tale operazione: il ricorso al Tar da parte di 13 cittadini aveva messo tutto in discussione, mettendo a rischio anche i livelli occupazionali attuali costretti a ricorrere ad ammortizzatori sociali a causa del Covid-19. La sinergia tra pubblico e privato salva occupazione e consente di intercettare nuovi flussi turistici quando sarà finita la pandemia”. Così il segretario generale della Fit Cisl Campania Alfonso Langella ed il coordinatore regionale Trasporto Aereo Ugo Milone.