“Get up”, via al concorso per studenti under 18: domande entro l’8 novembre

74

La partecipazione attiva dei ragazzi, la promozione della loro autonomia. Su questo verte il concorso che bandisce Roma Capitale, presentato in Campidoglio alla Sala del Carroccio, alla presenza di studenti e dell’assessore alla scuola Laura Baldassarre e del direttore del dipartimento Politiche sociali, Sussidiarieta’ e Salute, Angelo Marano, promosso dal ministero de Lavoro, in collaborazione con il ministero dell’Istruzione e col ministero della Salute. ‘Get Up. Giovani ed Esperienze Trasformative di Utilita’ sociale e Partecipazione’ e’ un progetto sperimentale, in fase di avvio in otto citta’ italiane: oltre a Roma, Catania, Bari, Brindisi, Napoli, Bologna, Venezia, Genova. Il progetto pone al centro la partecipazione attiva dei ragazzi, il protagonismo, la promozione della loro autonomia, l’utilita’ sociale e civile del loro agire sociale. Ai ragazzi viene data una autonomia decisionale sulla definizione del progetto e sulle sue caratteristiche e modalita’ attuative. Il progetto prevede la costituzione di percorsi progettuali, basati su approcci/metodologie rivolti allo sviluppo di competenze, responsabilita’ sociale e autonomia di ragazze e ragazzi. Destinatari del progetto sono ragazze e ragazzi dai 15 ai 18 anni che frequentano scuole secondarie di II grado delle classi III e IV con il supporto del dirigente scolastico, dei docenti e amministrazioni locali. Previsto l’aiuto di un esperto, un ‘facilitatore’. Ogni gruppo, composto da 12-28 partecipanti, sara’ dotato di un budget massimo di 11.500 euro dei quali 1.500 destinati alla scuola. La scadenza del bando e’ alle ore 12 di mercoledi’ 8 nmovembre 2017 ed entro tale data dovranno pervenire a Roma Capitale le domande complete: i progetti dovranno essere realizzati tra dicembre 2017 e novembre 2018. Al centro del progetto c’e’ ovviamente la scuola. È attorno ad essa, infatti, che verranno realizzate dai partecipanti al progetto sperimentazioni di auto-gestione e autonomia attraverso la costituzione di cooperative scolatiche o esperienze di Service Learning attuate dagli studenti che, attraverso una organizzazione che li responsabilizzi, anche sotto l’aspetto gestionale e organizzativo, potranno realizzare attivita che abbiano una ricaduta sulla comunita’ locale. Tra gli obiettivi, quelli di sostenere e promuovere le capacita’ di auto-organizzazione, autonomia e assunzione di responsabilita’ da parte dei partecipanti; far si’ che possano valorizzare il contesto scolastico come luogo ideativo di progetti che coinvolgano anche i territori e il tessuto locale circostanti.