Giornalisti, niente carcere per diffamazione: alla Consulta l’ordinanza del Tribunale di Salerno

69

“Dopo 5 mesi è giunta alla Corte Costituzionale l’ordinanza del tribunale di Salerno sulla incostituzionalità della legge che prevede il carcere per i giornalisti condannati per diffamazione. Ora spetterà al presidente Giorgio Lattanzi fissare l’udienza dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale”. Lo rende noto il Sugc, Sindacato unitario giornalisti campani. È stato l’avvocato Giancarlo Visone a sollevare l’eccezione per il Sindacato unitario dei giornalisti della Campania, “anche in relazione alla eventuale violazione della Convenzione europea dei diritti dell’uomo (art.10), in un processo per diffamazione nei confronti del direttore e di un collaboratore del quotidiano Roma”. “Sono anni che chiediamo al legislatore di intervenire sul carcere per i giornalisti, un limite sostanziale alla libertà di informazione e quindi al sistema democratico del nostro Paese. Su questo tema abbiamo già incassato a Napoli il 18 giugno scorso l’impegno del primo ministro Giuseppe Conte. Sono anni, tuttavia, che proposte di legge sul tema restano nei cassetti delle commissioni parlamentari. Ci auguriamo, per questo, che la Consulta intervenga tenendo conto delle sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo, che ha più volte dichiarato il carcere incompatibile con il diritto di cronaca”, affermano il segretario e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, e il segretario del Sugc, Claudio Silvestri.