Giornata della Memoria, il Comune di Napoli promuove una maratona culturale “per non dimenticare”

44
in foto Suzana Glavaš

Il Comune di Napoli celebrerà la Giornata della Memoria con una maratona culturale trasmessa sulla pagina Facebook dell’assessorato alla Cultura. Un appuntamento che vedrà in onda in anteprima nazionale il progetto di video testimonianze teatralizzate sul ghetto di Varsavia dal titolo ‘I bambini del ghetto di Varsavia’ ideato e diretto da Roberto Giordano. L’opera sarà trasmessa alle ore 19. Il contributo artistico, con letture teatralizzate, ad opera di attori e musicisti professionisti, della durata di circa 20 minuti, vedrà la partecipazione di Suzana Glavaš, professoressa e scrittrice di origine croata, figlia di una sopravvissuta alla Shoah e di Dario Dal Verme, Console presso il Consolato Onorario della Repubblica di Polonia in Napoli. Alle parti recitative si alterneranno filmati documentari, raccontando momenti chiave di quel periodo storico che va dal novembre 1940 (fine costruzione del muro del ghetto) fino al 5 agosto 1943 (deportazione dei bambini dell’orfanotrofio del pedagogo Janusz Korczak). In scena Roberto Giordano, Federica Aiello, Chiara Esposito, Mario Migliaccio, Fabio Sacco accompagnati dalle musiche di Mariano Bellopede. Ma la maratona prenderà il via alle ore 14 con il susseguirsi di contributi brevi realizzati dai protagonisti del progetto (H)earth. Le compagnie impegnate nei piccoli teatri territoriali hanno realizzato ciascuno un contributo tematico per celebrare collettivamente, anche se a distanza, la Giornata della Memoria 2021. Tra i contributi, solo per citarne alcuni, il Teatro Area Nord e Compagnia Cornelia voce recitante Lello Serao, danzatore Leopoldo Guadagno coreografia Niko Piscopo da La Specie Umana di Robert Antelme; il Teatro dei Piccoli e Compagnia Funa UNO e SETTE da G. Rodari adattamento Martina Di Matteo riprese Sabrina Cirillo, Musiche Alfredo Pumilia; il Teatro TRAM Compagnia Altro Sguardo voce recitante Antonello Cossia testo tratto da “La prova” di Mirko Di Martino, riprese Angela Rosa D’Auria; il Teatro Nest e compagnia Alberi di Canto da “La ballata del soldato morto” di Brecht – Weill, regia Mariano Bauduin, voce recitante Patrizia Spinosa, chitarra Michele Boné; il Nuovo Teatro Sanità e Compagnia Le Scimmie. Da “Se questo è un uomo”di Primo Levi. Messa in scena e interpretazione di Giuseppe Brunetti, Loris De Luna, Chiarastella Sorrentino. “Sono felice di poter onorare, nonostante le difficoltà tecniche a cui il covid ci sottopone, la commemorazione della Giornata della Memoria di questo annus horribilis – duce l’assessore alla Cultura, Eleonora de Majo – con un’azione collettiva il mondo del teatro partenopeo, impegnato nel progetto (H)earth, da nou sostenuto, ci regalerà una serie di lavori teatrali in ricordo della Shoah. Il 27 gennaio è un appuntamento con la storia necessario, un immancabile momento di esercizio della memoria collettiva che ci aiuta ad essere cittadini consapevoli e quindi difensori delle libertà civili e della democrazia. Per questa ragione, nonostante le restrizioni anti-covid proponiamo questa programmazione dedicata che ci auguriamo possa essere seguita dal maggior numero di persone possibile”.

In Prefettura la consegna di 32 medaglie

In occasione della Giornata della Memoria il prefetto di NAPOLI Marco Valentini consegnerà le medaglie d’onore alla memoria ai familiari di 32 cittadini della provincia di NAPOLI deportati e internati nei lager nazisti. La cerimonia si terrà nel Palazzo del Governo, in piazza del Plebiscito a Napoli, domani, mercoledì 27 gennaio, alle ore 10. La speciale benemerenza, ricorda la Prefettura di Napoli, è prevista dalla legge n. 296 del 27 dicembre 2006 “per rendere omaggio, nel modo più solenne, a quanti, nel corso della lotta alle barbarie nazifasciste, pagarono un tragico prezzo nei lager o asserviti al lavoro coatto per l’economia di guerra nell’ultimo conflitto mondiale”. Alla cerimonia, che si articolerà in due sessioni nel rispetto delle prescrizioni dettate per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, parteciperanno i sindaci dei Comuni della provincia di residenza degli insigniti, i vertici delle forze dell’ordine e delle forze armate.