Giovani architetti e ingegneri premiati a Ischia

135

Si terrà, domenica 30 giugno, ad Ischia, nella splendida cornice dei Giardini Poseidon Terme, la serata-evento organizzata dall’Associazione culturale “L’isola delle Torri” per premiare i vincitori del PRAM (Premio internazionale sul Restauro delle Architetture Mediterranee) e del PRAM DAI (Design Architecture Ischia). Il concorso di progettazione, giunto alla nona edizione, si propone come momento di confronto critico tra professionisti, giovani laureati e studenti e rappresenta un momento di incontro tra istituzioni e cittadini, con l’intento di promuovere la partecipazione attiva al dibattito sulla valorizzazione e la salvaguardia del patrimonio e delle risorse paesaggistiche e culturali del Mediterraneo.

Domenica saranno premiati coloro che, partecipando al concorso PRAM, avranno elaborato proposte progettuali capaci di coniugare identità dei siti, sicurezza del territorio e aspetti conservativi per la salvaguardia delle testimonianze stratificate, senza trascurare lo sviluppo economico e sociale delle comunità locali. Il premio rappresenta un focus culturale, che partendo dall’isola d’Ischia, si estende e si diffonde all’intera Area Mediterranea con le sue straordinarie risorse culturali ed architettoniche.

Sempre il 30 giugno saranno premiati anche i vincitori del PRAM DAI, concorso di progettazione improntato alla creatività, che ha come obiettivo la diffusione della cultura del progetto ed è finalizzato a completare la filiera del design: dall’idea al prodotto. Il tema spiccatamente progettuale dell’ultima edizione del PRAM DAI è stato la “torre di salvataggio”. Tale sistema di avvistamento rientra come tassello, spesso trascurato, di un più ampio progetto di riqualificazione della linea di costa, su cui si innesta l’imprenditoria turistico-balneare dell’isola. Saranno premiati, per la sezione DAI, coloro che hanno progettato torri di salvataggio fortemente integrate negli specifici spazi, senza dimenticare l’identità e la tradizione del luogo.

Ideatore del PRAM e PRAM DAI, l’architetto Aldo Imer, già funzionario della Soprintendenza per i Beni Artistici e paesaggistici di Napoli e Provincia e Direttore artistico della manifestazione “Torri in Festa Torri in Luce”, che, dal 21 al 30 giugno, anima le serate culturali di Ischia, attraverso convegni, mostre, performance, workshop e visite guidate. La manifestazione ha l’obbiettivo di promuovere l’identità territoriale e stimolare il dibattito tra professionisti, cittadini ed Enti, su valorizzazione e fruizione, innovativa e moderna, del patrimonio naturale storico/architettonico che caratterizza l’isola verde.
Una serie di eventi mirati alla conoscenza del territorio, nel corso dei quali lo spettacolo, nelle sue diverse forme, si racconta nei contenitori di pregio artistico e nei luoghi della cultura legati alle tradizioni locali ed ambientali (torri, castelli, centri storici, borghi), per diffonderne l’immagine e rendere i monumenti un punto di riferimento vivo del sistema culturale regionale.

La manifestazione, giunta alla nona edizione, vanta il patrocinio della Soprintendenza per l’Archeologia, Belle Arti e del Paesaggio di Napoli, della Fondazione Matera-Basilicata 2019, dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, del Dipartimento di Architettura, della Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio, dell’Ordine degli Architetti di Napoli e Provincia, dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli e Provincia, dell’Aniai, della Scuola Alberghiera IPS Telese di Ischia, dell’Icomos, dell’Associazione Italiana dei Castelli, di Italia Nostra, della Fondazione Premio Ischia, della fondazione Annali delle Architetture della città di Napoli, dell’Ente turismo Pro Loco Panza e Pithecusae Pro Loco Ischia e si avvale della partecipazione dei comuni ischitani, delle associazioni culturali isolane, operando sotto l’alto patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dei Beni Culturali, della Provincia di Napoli e della Regione Campania.