Giovani di Confindustria, Salini: Grandi opere, chi investe in Italia se non si rispettano i contratti?

43
in foto Pietro Salini, ad di Salini Impregilo

“In un paese in cui non si rispettano i contratti chi è che viene in Italia a investire?”. Così l’ad di Salini Impregilo, Pietro Salini, intervenendo al 33simo Convegno dei Giovani di Confindustria a Capri. “Anche l’inquisizione faceva così, nominava una commissione per decidere chi bruciare. Fare una commissione per togliersi le castagne dal fuoco è un’idea antica”, aggiunge parlando della commissione voluta dal governo per valutare le grandi opere e ricordando che “la Tav è un progetto che ha subito diversi stop&go nel corso degli anni. Pensiamo che le piccole opere siano belle, non si capisce per quale motivo. Come pensare che le Pmi siano belle, perché? Perché gli si può rompere la schiena senza fare casino”.