Giovani di Confindustria, Doris (Mediolanum): Il clima di sfiducia deprime i consumi

60
in foto Ennio Doris, presidente del consiglio di amministrazione di Banca Mediolanum

“I governi passano, le nostre imprese restano”. Così il presidente di Mediolanum Ennio Doris intervenendo al 33simo Convegno dei Giovani di Confindustria a Capri. “Da imprenditori siamo abituati a momenti più o meno facili, ma le critiche sono condivisibili – aggiunge – quello che mi preoccupa molto sono i mercati. Il clima di sfiducia si trasmette dai mercati al mondo normale, ai risparmiatori che sono i consumatori non raggiunti dal reddito di cittadinanza ma che sono la massa dei consumi. E’ vero che se spendo 10 miliardi per il reddito li spenderanno, ma se la massa grossa si spaventa l’effetto globale non è positivo”. “Il problema non è tanto il 2,4% di deficit ma come lo si ottiene, cioè solo attraverso le spese. Se ci fosse stata un’azione di riduzione della pressione fiscale e sulla promozione degli investimenti si sarebbe creato un clima di fiducia. Va tenuto in conto come immediatamente reagiscono gli operatori economici”.