Giovani e istruzione:
contributi fino a 500mila euro

24

Contributi fino a 500mila euro per finanziare progetti di cooperazione lungimiranti nei settori dell’istruzione, della formazione e della gioventù. A metterli a disposizione è la Commissione europea attraverso il bando pubblicato Contributi fino a 500mila euro per finanziare progetti di cooperazione lungimiranti nei settori dell’istruzione, della formazione e della gioventù. A metterli a disposizione è la Commissione europea attraverso il bando pubblicato nell’ambito dell’Azione chiave 3 del Programma Erasmus+ che stanzia un budget complessivo di 17 milioni. Due linee d’azione Verranno sostenuti progetti che fanno capo a una delle due priorità individuate dal bando: istruzione-formazione e gioventù. Per la prima categoria gli interventi dovranno mirare a ridurre le disparità nei risultati di apprendimento che interessano gli alunni provenienti da contesti svantaggiati; innalzare la qualità dell’istruzione attraverso l’uso dell’analitica e della semantica dell’apprendimento; promuovere un insegnamento e un apprendimento innovativi e collaborativi; rendere più accessibili le infrastrutture (fisiche o virtuali) di istituti di istruzione e formazione per l’apprendimento degli adulti e offrire opportunità di apprendimento modulare certificato; migliorare la qualità e aumentare l’eccellenza nell’istruzione e formazione professionale; riformare l’istruzione superiore per renderla più diversificata, reattiva e competitiva. Per la seconda priorità l’obiettivo dei progetti deve essere quello di utilizzare la partecipazione per via elettronica come strumento per favorire la responsabilizzazione e la partecipazione attiva dei giovani alla vita democratica. Chi può partecipare Beneficiari dei contributi possono essere le organizzazioni, pubbliche e private, attive nei settori dell’istruzione, formazione e gioventù o in altri settori socio-economici, oppure organizzazioni che svolgono attività inter-settoriali. Può trattarsi di autorità pubbliche a livello nazionale, regionale e locale responsabili dell’istruzione, formazione e delle politiche giovanili; Ong; centri di ricerca; università; camere di commercio; reti; centri di riconoscimento; istituti di valutazione; organizzazioni professionali e parti sociali; scuole o altri istituti di istruzione; organizzazioni della società civile e culturali; aziende; organizzazioni internazionali. I progetti devono essere realizzati da una partnership costituita da almeno tre partner di tre diversi Paesi ammissibili e la loro durata deve essere compresa tra 24 e 36 mesi, con inizio tra il primo novembre 2015 e il primo gennaio 2016. Risorse e contributo Per il bando sono disponibili 17milioni di euro, di cui 15 milioni riservati ai progetti della categoria istruzione e formazione. Il contributo Ue può coprire fino al 75 per cento dei costi totali ammissibili del progetto, per un massimo di 500mila euro. Le candidature vanno presentate on line entro le ore 12 del prossimo 24 febbraio.


Risorse 17 milioni di euro Ripartizione 15 milioni per formazione e istruzione 2 milioni per la gioventù Contributi Fino a 500mila euro a progetto Cofinanziamento Fino al 75% dei costi totali Scadenza Ore 12 del 24 febbraio 2015