Giovani in agricoltura Bonus assunzioni

165

Partono anche per il settore agricolo gli incentivi destinati ai datori di lavoro che assumono giovani con contratto a tempo indeterminato o determinato di minimo 3 anni. A introdurli è l’articolo Partono anche per il settore agricolo gli incentivi destinati ai datori di lavoro che assumono giovani con contratto a tempo indeterminato o determinato di minimo 3 anni. A introdurli è l’articolo 5, commi 1 – 12, del Decreto Competitività (Dl 91/2014) con l’obiettivo di promuovere forme di occupazione stabile in agricoltura. Il bonus spetta agli imprenditori agricoli che stabilizzano giovani tra i 18 e i 35 anni senza lavoro retribuito regolarmente negli ultimi 6 mesi e senza diploma di istruzione secondaria di secondo grado.Il premio, riconosciuto mediante compensazione dei contributi, è valido solo se l’assunzione avviene con contratto scritto a tempo indeterminato o a tempo determinato dalla durata di almeno 3 anni o, in ultima analisi, per almeno 120 giornate lavorative per ciascun anno di contrattazione. Inoltre, tali assunzioni devono comportare un aumento occupazionale netto calcolato sulla differenza tra il numero di giornate lavorate in ciascun anno dei tre previsti e il numero di giornate lavorate nell’anno precedente all’assunzione. Le giornate lavorative nei contratti part time, invece, devono essere calcolate in base alle ore pattuite e l’orario del lavoratori full time. Per accedere ai contributi le assunzioni devono essere effettuate tra il primo luglio 2014 e il 30 giugno 2015. A copertura della misura è stato istituito un Fondo per gli incentivi all’assunzione di giovani lavoratori agricoli, con una dotazione di 5,5 milioni per il 2015, di 12 milioni per il 2016, di 9 milioni per il 2017 e di 4,5 milioni per il 2018. L’incentivo verrà riconosciuto in base all’ordine di presentazione delle istanze e fino ad esaurimento delle risorse. Per fruire dei contributi previsti, i datori di lavoro dovranno attendere la specifica circolare Inps nella quale verranno definite le modalità di attuazione delle nuove disposizioni e l’apposita procedura telematica per effettuare la richiesta.