Giovani per Pompei e Stabia, tirocini nei siti culturali

32

Tirocini formativi e di orientamento per 150 giovani laureati fino a 29 anni di età da utilizzare per la realizzazione di progetti specifici di tutela, fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale Tirocini formativi e di orientamento per 150 giovani laureati fino a 29 anni di età da utilizzare per la realizzazione di progetti specifici di tutela, fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale presso gli istituti e i luoghi della cultura statali. A promuoverli è il ministero dei Beni e delle Attività culturali che aprirà i bandi entro fine ottobre. Per ora sono stati pubblicati i criteri e le modalità di accesso al “Fondo mille giovani per la cultura” individuando le sedi di destinazione nella Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia e l’Unità “Grande Pompei” (50 giovani) e la Soprintendenza speciale per il patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico e per il polo museale di Napoli e della Reggia di Caserta (20 giovani) per il bando numero 1; la Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici dell’Abruzzo (15 giovani) e la Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici dell’Emilia-Romagna (15 giovani) per il bando numero 2; l’archivio centrale dello Stato, le soprintendenze archivistiche e gli archivi di Stato presenti sul territorio nazionale, le Biblioteche Nazionali di Roma e di Firenze (50 giovani) per il bando numero 3. Requisiti Per accedere alla selezione i giovani dovranno essere in possesso del diploma di laurea specialistica o magistrale, ottenuto con votazione di almeno 105/110. Per i 50 tirocini presso la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia e l’Unità Grande Pompei sono ammesse le lauree in archeologia; architettura; archivistica e biblioteconomia; geologia;ingegneria ambientale; ingegneria civile; ingegneria informatica; scienza e tecnologia per i beni culturali; scienze forestali e ambientali. Per i 20 tirocini presso la Soprintendenza speciale per il patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico e per il polo museale di Napoli e della Reggia di Caserta sono richieste le lauree in architettura; beni culturali; economia e gestione dei beni culturali; scienza e tecnologia per i beni culturali; scienze della comunicazione; storia dell’arte; tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali. Durata La durata dei tirocini è di sei mesi durante i quali verrà corrisposta una indennità mensile di 1.000 euro lordi. A conclusione del programma formativo verrà rilasciato un attestato di partecipazione, valutabile ai fini di successive procedure selettive nella Pubblica amministrazione. I bandi saranno pubblicati tra la seconda metà di ottobre e i primi di novembre sul sito internet del Ministero e delle strutture presso cui si terranno i tirocini. Le domande dovranno pervenire entro 30 giorni dalla pubblicazione dei bandi.


Le unità da inserire Bando numero 1 50 giovani per la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia e l’Unità “Grande Pompei” 20 giovani per la Soprintendenza speciale per il patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico e per il polo museale di Napoli e della Reggia di Caserta Bando numero 2 15 giovani per la Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici dell’Abruzzo 15 giovani per la Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici dell’Emilia-Romagna Bando numero 3 50 giovani per l’archivio centrale dello Stato, le soprintendenze archivistiche e gli archivi di Stato presenti sul territorio nazionale, le Biblioteche Nazionali di Roma e di Firenze