Gli Aponte allo scoperto Parte il piano da 5,1 mld

46

Mega investimento per diventare leader del settore turistico: pronte 6mila nuove assunzioni. Le commesse a Fincantieri La compagnia campana rivela le sue ambizioni con un investimento da 5,1 miliardi di euro e Mega investimento per diventare leader del settore turistico: pronte 6mila nuove assunzioni. Le commesse a Fincantieri La compagnia campana rivela le sue ambizioni con un investimento da 5,1 miliardi di euro e si prepara a scalare la vetta del settore crocieristico. La famiglia Aponte, che di Msc è l’anima, ha in mente traguardi ambiziosi per la propria divisione turistica dopo aver portato ai massimi livelli la società che si occupa del trasporto merci attraverso un accordo con Maersk. Leonardo Massa, che di Msc è il country manager per il mercato italiano, ricorda come le ambizioni del gruppo passino attraverso “un piano industriale che culminerà nel 2022 con l’obiettivo del raddoppio della capacità. Il progetto prevede tra l’altro 200 milioni di euro investiti fra il 2014 e il 2015 nelle nuove tecnologie e 200 cabine in più per ogni nave. Inoltre stiamo lavorando a due importanti programmi, due navi rispettivamente di classe Vista per il 2017 e Seaside per il 2022”. Per quella data la società degli armatori di origini sorrentine prevede di trasportare non meno di 80 mila passeggeri al giorno. Rivoluzione nell’organico Proprio in questi giorni, e sempre nell’ambito del piano di espansione appena avviato, Msc annuncia la prossima assunzione di 6 mila nuovi dipendenti. La maggior parte dei nuovi contratti di lavoro riguarderà il personale di bordo: ufficiali, medici di bordo, restaurant e food & beverage manager, addetti ai servizi alberghieri, chef, personale di sala e cucina, addetti pulizie, baristi, attori, ballerini, animatori, addetti al guest service, receptionist, estetiste, massaggiatori. Nei 45 Paesi del mondo in cui la compagnia opera lavorano 16 mila 300 dipendenti, diecimila dei quali sono italiani. Le commesse in cassa I neo assunti saranno impiegati a bordo delle 7 nuove navi della flotta di Msc Crociere. Di queste 4 sono già in costruzione e 3 sono state ordinate. E le commesse finiscono in gran parte alla società a partecipazione statale Fincantieri, che proprio in Campania a Castellammare di Stabia ha uno dei suoi principali poli produttivi. A maggio, infatti, Msc e Fincantieri firmano un contratto da 2,1 miliardi di euro per la costruzione di due navi di ultima generazione la cui consegna è fissata per novembre 2017 e maggio 2018. Lunghe 323 metri, larghe 41 e alte 70, le nuove unità avranno una stazza lorda di 154 mila tonnellate, potranno ospitare quasi 5.200 passeggeri più 1.413 membri dell’equipaggio e saranno dotate di 2.070 cabine per gli ospiti, 759 per lo staff di bordo e 43.500 metri quadri di aree pubbliche a disposizione e potranno attraccare nei porti di tutto il mondo.