Gli errori da non fare con la propria password

23

Sei un tipo da “123456” o “Andrea”? Allora stai sicuramente sbagliando qualcosa con la tua password. Con gli attacchi da parte di hacker sempre più frequenti in questo periodo, non puoi limitarti a una semplice serie di caratteri per proteggerti. In questo articolo scoprirai come creare una password valida e “a prova di hacker”, insieme ad alcuni consigli in più per gestire le tue password con semplici accorgimenti.

Password: gli errori più comuni
Secondo alcune ricerche svolte nel 2021, in Italia siamo messi davvero male con le nostre password. La password “123456” è ancora la più usata, al massimo vengono aggiunti un 7 e un 8, ma nulla di più. Inoltre, nella classifica spuntano anche password come “juventus” o “napoli”, per chi non vuole dimenticarsi della propria squadra del cuore. Anche i semplici nomi come “francesco” sono nella lista. Cosa stanno sbagliando queste persone? È molto semplice: gli hacker, che puntano a violare le password altrui per secondi fini (magari per chiedere un riscatto o rivendere i nostri dati) trovano terreno fertile con queste password, poiché i loro software macinano centinaia, se non migliaia, di combinazioni al secondo per indovinare una password, e non è impossibile trovarne una che ha 6 caratteri o di una tale semplicità. Agli hacker bisogna rendere la vita difficile, ecco perché dobbiamo tutelarci creando password complesse. Quando vengono attaccate le aziende che si occupano dei siti a cui sei iscritto, le password semplici agiscono da “lasciapassare” per chi vuole violare i dati altrui, andando poi in possesso dei dati sensibili della vittima in questione.

Come deve essere una password?
Google e altri servizi suggeriscono password complesse ai loro utenti durante le varie iscrizioni. Ma come possiamo creare una password valida in assenza di tale servizio?

Non esiste la password perfetta, ma esistono alcune linee guida di base da seguire per non rischiare:

  • Lunghezza: più è corta la password, più sarà facile per l’hacker violarla. Perciò, scegli una password che vada almeno dagli 8 caratteri in su, precisamente tra gli 8 e i 16, per non rischiare di dimenticarla se è troppo lunga.
  • Varietà: non usare solo numeri o solo lettere, una password degna di nota deve avere lettere maiuscole, minuscole, numeri e anche simboli, come un punto esclamativo o interrogativo. Una password con tutti questi componenti sarà sicuramente difficile da violare velocemente.
  • Frequenza: anche se sei un pigrone, devi capire che bisogna cambiare spesso le proprie password e sostituirle con password della stessa (o di maggiore) complessità.
  • Originalità: non scegliere password che contengano cose come il tuo nome o la tua data di nascita, cerca di creare una serie di numeri, lettere e simboli originale, che sia difficile da intuire. Password come “Alex02” o “Giovanna” non sono funzioneranno se vuoi tenere al sicuro i tuoi dati.

Consigli da seguire

Vuoi sentirti ancora più al sicuro? Prendi in considerazione questi consigli:

  • Usa un gestore delle password: i gestori delle password sono software progettati per memorizzare le tue credenziali in una specie di cassaforte virtuale. Inoltre, questi gestori ti permetteranno di sincronizzare i tuoi accessi (permettendoti di accedere istantaneamente ai tuoi siti preferiti) e di proteggere le tue password con vari sistemi di crittografia. Avrai tutto in un posto sicuro, senza aver bisogno di scrivere tutto su dei foglietti da spargere in giro per casa. Spesso questi software controllano anche l’integrità e la validità della tua password per assicurarsi che non sia troppo semplice o poco sicura.
  • Usa l’autenticazione a due fattori: spesso gli errori grossolani sono quelli più semplici da riparare, ecco perché devi assolutamente attivare l’autenticazione a due fattori, ovvero la conferma (tramite telefono o e-mail) della tua identità legata al tuo account. È presente ormai in quasi tutti i siti disponibili online, e permette di inviarti una notifica quando qualche malintenzionato prova a entrare nel tuo account, per poi bloccare l’accesso sotto tua richiesta. Anche i gestori delle password offrono questo servizio.
  • Sicurezza biometrica: laddove possibile, puoi mettere in sicurezza i tuoi dati tramite la sicurezza biometrica. Questo processo consiste nell’autorizzazione d’accesso tramite impronta digitale o riconoscimento facciale. Spesso viene usata per le app bancarie, ma molte compagnie stanno inserendo questa possibilità nelle loro app e nei loro siti web.
  • Usa una VPN: navigando online puoi rischiare di incappare in truffe o siti progettati da malintenzionati per conservare e rubare le tue credenziali. Per proteggerti usa una VPN, ovvero una rete virtuale privata fatta apposta per garantire sicurezza a chi ne usufruisce.

Dopo aver letto questi consigli, siamo certi che non userai più password scontate e che saprai come prenderti cura delle tue credenziali per tenerle al sicuro. Quando si è naviga online, l’attenzione viene prima di tutto!