Gli italiani e il web: il rapporto più duraturo del nuovo millennio

234

Se da una parte, in Italia, è boom di divorzi (circa mille all’anno nel 2017), dall’altra c’è un nuovo boom: quello dei rapporti tra gli italiani e internet: il legame più florido del nuovo millennio.
Le statistiche rivelano che nel 2017 il numero di italiani connessi a Internet è salito al 73,7% (più 4% rispetto all’anno precedente, circa 39 milioni di persone). Questo anche a causa dell’uso sempre più diffuso degli smartphone, a fronte di una riduzione della navigazione tramite altri device (la navigazione tramite computer si è ridotta del 14%) e della scelta sempre più vasta di spazi sui quali “navigare”.
Se è aumentato dell’11% l’uso di Social Media come Facebook (utilizzato quotidianamente dal 74% della popolazione), il 31% degli italiani guarda video online almeno una volta al giorno; lo streaming è infatti un’altra delle attività alle quali gli italiani dedicano molto tempo, galeotti anche il binge watching (la pratica di guardare uno dopo l’altro gli episodi della propria serie tv preferita) e il binge racing (letteralmente “gara d’abbuffata”, la pratica dello sfidare se stessi a guardare un’intera serie tv in appena 24 ore). Ma internet è utile per qualsiasi altro tipo di attività: dalla lettura di notizie, alla ricerca e lo studio, dalla prenotazione di eventi, alla gestione del proprio conto in banca, fino ai giochi online. In quest’ultimo settore sono sempre più “alla moda” i siti dove poter sfidare altri utenti (giocando a Burraco o al Biliardo) ed i casino online, di cui un esempio ne è  888 casino che deve il suo successo ad un’offerta di giochi variegata ed alla semplicità della propria piattaforma.
Largamente utilizzati anche i siti di messaggistica istantanea, uno su tutti Whatsapp: secondo gli ultimi dati del rapporto redatto da We Are Social, Whatsapp è il motivo principale dell’utilizzo degli smartphone (oltre l’85% degli italiani). Si stima che nel 2017, l’applicazione abbia superato il miliardo e duecento milioni di utenti al mese, rientrando nel ristretto club di servizi utilizzati da più di un miliardo di persone insieme a Facebook, Facebook Messenger e YouTube. Pare che i messaggi inviati sull’applicazione di messaggistica istantanea ogni giorno siano oltre cinquanta miliardi.
“Parole, parole”, come cantavano Mina e Alberto Lupo.
Insomma, ormai tra smartphone, computer, tablet, console e smart TV, gli italiani fra i 16 e i 65 anni connessi alla rete sono circa 30 milioni, pari al 78% della popolazione.
Sarà forse anche questa una delle cause del boom dei divorzi?