Gori, premio speciale da Top Utility 2018: è la prima classificata nel Mezzogiorno

124

Come da tradizione, la presentazione del rapporto annuale Top Utility è anche il momento della premiazione delle aziende italiane che si sono distinte nel settore. Per il 2018 la migliore azienda in assoluto è Contarina (in finale con Acea, Gruppo Cap, MM SpA e Savno). Il premio per la sostenibilità è stato assegnato a Gruppo Hera (finalista con Acea, Gruppo Cap, Estra, Gruppo SGR); risulta prima in comunicazione Gruppo Cap (in finale con A2A, Acea, Acque SpA, Gruppo Hera), mentre la vincitrice per Ricerca & Innovazione è Smat (con Gruppo Cap, Enel, Gruppo Hera, Iren). Il podio per l’attenzione ai consumatori e al territorio è stato conquistato da MM SpA (in lizza con Acos, Clara, Gruppo Cap, Marche Multiservizi). Nelle Performance operative, l’azienda premiata è Savno (in finale assieme a Ambiente Servizi, Clara, Contarina e Etra). Un premio speciale è stato tenuto a battesimo da Utilitalia tra le utilities del Mezzogiorno firmatarie del recente accordo Rete Sud. Tra queste la prima classificata, con il punteggio più alto tra i parametri rilevati da Althesys, è Gori (in finale con Abbanoa, AQP, Asia Napoli e RAP Palermo). Nel dettaglio, dal rapporto emerge che le prime 100 utility italiane nel 2016 registrano un valore della produzione aggregato di oltre 115 miliardi di euro (che vale quasi il 7% del Pil italiano) con un aumento dell’1,2% rispetto all’anno precedente. Il quadro d’insieme mostra un progressivo miglioramento delle prestazioni dei settori ambientali (acqua e rifiuti) e una sostanziale stabilità di quelli energetici.