Governo, al via il valzer di nomine nelle stanze del potere

532
In foto Antonio Pignataro (fonte Imagoeconomica)

Governo al lavoro per i nuovi incarichi. Tra la fine del 2022 e l’inizio del nuovo anno si muovono diverse pedine nelle stanze del potere. Il questore Antonio Pignataro è nominato esperto per le politiche antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Neo dirigente generale di pubblica sicurezza, Pignataro è un nome di spicco della Polizia. Dove inizia la carriera, 45 anni fa, come capo della Mobile di Palermo.
La direzione generale Finanze del ministero dell’Economia passa, invece, a Giovanni Spalletta, che prende il posto di Fabrizia Lapecorella. Quest’ultima viene chiamata dal ministro Raffaele Fitto per dirigere il dipartimento delle politiche europee.
L’economista Enrico Maria Pujia va al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. E’ nominato capo del Dipartimento per la programmazione strategica, i sistemi infrastrutturali, di trasporto a rete, informativi e statistici.
Infine un’indiscrezione che circola da qualche giorno. Il direttore generale del Tesoro, Alessandro Rivera, potrebbe passare ad altro incarico. Al suo posto la premier Giorgia Meloni vorrebbe piazzare Antonino Turicchi, attuale presidente di Ita Airways.