Governo, Savona: Ho subito grave torto da Mattarella, un processo alle intenzioni

62
in foto Paolo Savona

“Ho subito un grave torto dalla massima istituzione del Paese sulla base di un paradossale processo alle intenzioni di voler uscire dall’euro e non a quelle che professo e che ho ripetuto nel mio Comunicato, criticato dalla maggior parte dei media senza neanche illustrarne i contenuti”. Lo scrive Paolo Savona sul suo blog, dopo essere stato stoppato come candidato all’Economia dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, decisione che ha determinato il crollo del tentativo di governo Lega-M5S. “Una particolare consolazione mi e’ venuta da Jean Paul Fitoussi sul Mattino di Napoli e da Wolfgang Munchau sul Financial Times – aggiunge: il primo afferma correttamente che non avrei mai messo in discussione l’euro. Piu’ incisivo e vicino al mio pensiero e’ il commento di Munchau che analizza come deve essere l’euro per non subire la dominanza mondiale del dollaro e della geopolitica degli Stati Uniti, affermando che la moneta europea e’ stata mal costruita per colpa della miopia dei tedeschi”.