Graded, dalla Green Farm a Geogrid: l’efficienza energetica made in Napoli sbarca a Dubai

154
in foto Vito Grassi

Prima missione negli Emirati Arabi nello scorso mese di ottobre, in vista dell’Expo 2020, per Graded, azienda napoletana che opera da 60 anni nel mercato della progettazione, realizzazione, installazione, gestione e manutenzione di impianti tecnologici, di cogenerazione industriale e di produzione di energia ad alta efficienza, da fonti tradizionali e rinnovabili.
La società guidata da Vito Grassi ha partecipato dal 21 al 23 ottobre alla 21esima edizione del “WETEX Dubai”, la principale manifestazione fieristica annuale dedicata all’acqua, all’energia, alla tecnologia e all’ambiente (“Water, Energy, Technology, and Environment Exhibition”). Tre i progetti chiave presentati al Convention and Exhibition Centre di Dubai: il sistema di efficientamento energetico realizzato per il Policlinico di Napoli Federico II, già riconosciuto come “case study” pionieristico al Forum Salute di Firenze; “Geogrid”, un progetto di ricerca sulla geotermia che Graded sta portando avanti in collaborazione con l’Università Parthenope, la Federico II di Napoli e l’INGV; “Green Farm”, la fattoria ecologica capace di operare e autosostenersi sfruttando fonti energetiche rinnovabili come sole e biomasse. Un’intuizione avveniristica che la società di Vito Grassi porterà anche all’Expo 2020 di Dubai e che sta realizzando, in via sperimentale e in collaborazione con il Dipartimento di Agraria della Federico II, su un’azienda agricola di Castel Volturno di proprietà del Dipartimento.
Presenti all’appuntamento, assieme all’amministratore delegato, Ludovica Landi, responsabile organizzativo e operativo di Graded, e gli ingegneri e dipendenti Graded Michele Cecere, Davide Capuano, Vincenzo Arcopinto e Giuseppe Gregorini.