Graded e Protom entrano nel Programma Elite

250

Due nuove aziende napoletane, Graded spa e Protom, entrano in Elite, il programma di Borsa Italiana e Confindustria per le imprese ad alto potenziale, per supportarne il percorso di crescita legato a innovazione e internazionalizzazione. L’annuncio è avvenuto oggi a Napoli all’Unione Industriali nel corso del roadshow di Confindustria ed Elite al quale hanno partecipato le più importanti aziende del territorio. Graded, società napoletana guidata dai fratelli Vito e Federico Grassi, opera da 60 anni nel mercato della progettazione, realizzazione, installazione e gestione di impianti tecnologici, della progettazione e realizzazione di impianti di cogenerazione industriale e di produzione energia da fonti rinnovabili con particolare attenzione a fotovoltaico e solare termico, del servizio di vendita di energia e della gestione delle incentivazioni energetiche.
“E’ grazie alla spiccata propensione all’innovazione, unita alla ricerca e allo sviluppo di soluzioni rispettose per l’ambiente e capaci di valorizzare il nostro territorio, se la Graded, fondata nel 1958, ha saputo resistere alla crisi – commenta Vito Grassi presidente di Graded Spa e vice presidente dell’Unione degli industriali di Napoli -. Come del resto mostrano anche gli ultimi dati sull’export campano, la capacità di innovare è la vera carta vincente per la sfida della globalizzazione: a premiare la nostra regione sui mercati esteri, infatti, sono soprattutto i settori a maggior contenuto di innovazione e quelli legati alla qualità tipici del “Made in Italy”. L’energia del futuro è la grande sfida di Graded, azienda con il cuore a Napoli e lo sguardo puntato sui nuovi mercati”.
“Va esattamente in questa direzione il nostro ingresso in Elite – continua Grassi – , un progetto condiviso da Confindustria e rivolto alle imprese ad alto potenziale con vocazione all’internazionalizzazione: per noi rappresenta un importante passo in avanti verso il futuro”.
La Graded nasce nel 1958 come ditta individuale e inizia un percorso di crescita che la porta a diventare prima una società per azioni nel 1998, poi, una volta rinforzata patrimonialmente, a dare vita già dal 2005 allo spin-off di maggior successo: la Grastim jv.

Graded si è affacciata sul mercato internazionale a partire dal 2013, cominciando a lavorare su importanti progetti in Europa e oltre oceano. L’impianto fotovoltaico in Romania a Timisoara è il primo interamente realizzato da Graded all’estero, partendo dall’acquisizione del terreno, la messa a regime dell’impianto, fino alla vendita dei certificati verdi.

Oggi Graded Spa è impegnata in progetti per migliorare ulteriormente l’efficienza dei rendimenti energetici, in partnership con importanti realtà di ricerca e con le università sia pubbliche che private. Tra queste la “Federico II”, la “Parthenope”, l’Università del Sannio, l’Università di Fisciano a Salerno e il Suor Orsola Benincasa di Napoli.

Da segnalare, sempre nell’ambito della ricerca, la partecipazione di Graded a “Stress” il primo distretto tecnologico regionale che mette in rete aziende, università e i più importanti enti pubblici di ricerca sul territorio e che produce studi e prototipi ad alta tecnologia sulle costruzioni sostenibili e innovative, a basso impatto ambientale, in Campania.

La Protom
Con cuore operativo in Italia a Napoli e Milano, uffici in Francia, Inghilterra e Brasile, Protom è un’azienda di consulting e system integration. Inizialmente aveva il suo core business nella formazione e nella consulenza direzionale. Con il tempo le attività dell’azienda si sono diversificate, permettendole così di operare su numerosi mercati attraverso quattro Business Unit: IT, Advanced Engineering, Consulting e Training. L’integrazione delle diverse divisioni consente di progettare soluzioni altamente innovative, senza perdere l’approccio tailor-made, necessario alla realizzazione ottimale di ciascun progetto.
L’azienda lavora con big player del comparto metalmeccanico nell’aeronautica, nel ferroviario e nell’automotive come Leonardo, Superjet, Piaggio Aerospace, Airbus, FCA e ATR, Hitachi Rail Italy e Rolls Royce.

“Abbiamo scelto di entrare in Elite- spiega il fondatore di Protom Fabio De Felice- perché lo vediamo come uno strumento utile per la nostra strategia, che punta alla crescita e all’internazionalizzazione. L’azienda è sempre cresciuta per acquisizioni e lo faremo ancora di più nei prossimi anni, coniugando un utilizzo sano della finanza alla sfida continua dell’essere sempre più innovativi per permettere ai nostri clienti di essere sempre più competitivi.”

Il programma Elite
Elite, una Community che conta oltre 600 aziende da 25 paesi diversi, 150 Advisor e oltre 100 investitori, può supportare le aziende nei loro progetti di sviluppo offrendo accesso ad un network internazionale, fonti di finanziamento diversificate e un percorso di training dedicato, facilitando così l’accesso ai capitali in ogni forma, attraverso l’impiego di tecnologie digitali.