Gradimento dei governatori, De Luca sale di 0,9 punti: dodicesimo in classifica

70

Luca Zaia (Veneto), Sergio Chiamparino (Piemonte), Michele Emiliano (Puglia), Enrico Rossi (Toscana), Maurizio Marcello Pittella (Basilicata) sono i primi 5 Governatori d’Italia secondo i “Monitor” di Index Research dedicati alle Regioni, il monitoraggio semestrale che rileva la soddisfazione nei confronti del lavoro dei presidenti di Regione. Il presidente del Veneto ed esponente della Lega Nord e’ apprezzato dal 58,3% dei cittadini intervistati. Al secondo posto Sergio Chiamparino (56,4%), presidente del Piemonte eletto con il Pd. In un anno ha guadagnato ben sei posizioni accrescendo il suo consenso del 6,2%. Sul terzo gradino del podio Michele Emiliano: il Governatore della Puglia, che nel 2016 guidava la classifica, e’ scivolato di due posizioni, conquistando il 56,1% dei consensi, l’1,3% in meno rispetto all’ultima rilevazione. Salgono di un posto rispettivamente Enrico Rossi (Pd), governatore della Toscana con il 53,3% e Maurizio Marcello Pittella della Basilicata (53,5%). Scende invece Giovanni Toti (FI), presidente della Liguria, che ha dovuto cedere tre posizioni perdendo lo 0,6%. Settimo Stefano Bonaccini (Pd, Emilia Romagna), al 50,6%, ottavo Mario Oliverio (Pd, Calabria), al 50,4%.
Perde punti anche Nicola Zingaretti (Pd): il presidente della Regione Lazio scivola dalla settima alla nona posizione e il suo consenso scende sotto la soglia del 50%. In ascesa invece Roberto Maroni (Lega Nord) alla guida della Lombardia, che dagli ultimi posti della classifica nel 2016 sale all’undicesima posizione guadagnando 5,5 punti al 47,9%. Segue al dodicesimo posto Vincenzo De Luca (Pd), presidente della RegioneCampania, che sale di 0,9 punti percentuali al 46,7%. La prima donna in classifica e’ Catiuscia Marini, governatore dell’Umbria al tredicesimo posto (45,6%), dopo di lei Debora Serracchiani (Pd), presidente del Friuli Venezia Giulia, quartultima in classifica (44,7%). Si conferma all’ultimo posto il siciliano Rosario Crocetta, prossimo alla scadenza del mandato, con il 26,8% dell’apprezzamento.