Grande Progetto Pompei, al via il piano di sviluppo: in campo 1,1 miliardi

43

Miglioramento dei sistemi di accessibilita’ e di interconnessione fra i siti archeologici di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata; recupero ambientale anche con il riuso di aree industriali dismesse; riqualificazione e rigenerazione urbana dei centri presenti sul territorio; valorizzazione del patrimonio archeologico e culturale ai fini di un piu’ ampio sviluppo del turismo sostenibile. E’ quanto prevede il “Piano strategico” per lo sviluppo della zona, previsto dall’Unesco, che e’ stato adottato ieri- alla presenza del Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini e del Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti – dal Comitato di gestione per la Grande Pompei, riunito a Roma. Con l’adozione del Piano strategico si avvia contestualmente, come previsto dalla legge 205/2017, il Contratto Istituzionale di Sviluppo per l’attuazione degli interventi compresi nel Piano. Sono gia’ programmati interventi per oltre 1.155 milioni di euro (con risorse gia’ stanziate a valere prevalentemente sugli strumenti della politica di coesione comunitaria e nazionale) mentre altri interventi sono in corso di progettazione o di analisi di fattibilita’. In un’altra riunione, Franceschini e De Vincenti hanno avviato anche il Contratto Istituzionale di Sviluppo per la realizzazione del “Piano di Sviluppo del Parco culturale del Museo e del Real Bosco di Capodimonte”. Questo Piano prevede, nella sua prima fase di attuazione, investimenti per oltre 71 milioni di euro (interamente disponibili a valere sulle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione) per la realizzazione di interventi riguardanti, fra l’altro, il restauro e la valorizzazione del Real Bosco, il nuovo allestimento di sale espositive del Museo, l’adeguamento di impianti, il restauro della cinta muraria, misure di adeguamento antisismico del Museo e degli edifici del Parco.