Grande Progetto Pompei, il nuovo dg: Risorse per 8,5 mln ai nuovi scavi

35
In foto, da sinistra, Massimo Osanna e Mauro Cipolletta

Un intervento della durata di due anni, che dovrebbe concludersi a maggio del 2019, su un’area di circa 22 ettari, per un costo complessivo di 8,5 milioni di euro. Numeri che danno la misura della rilevanza dei nuovi scavi avviati in una parte della Regio V del parco archeologico di Pompei. Li sottolinea con orgoglio il generale Mauro Cipolletta, insediatosi da pochi giorni alla guida dell’unita’ per il Grande progetto. “Sono sicuramente i lavori piu’ importanti tra quelli avviati con il Gpp – spiega – perche’ riguardano un terzo dell’estensione totale del parco, perche’ la messa in sicurezza e la mitigazione del rischio idrogeologico su questo fronte sara’ un’argine importante contro nuovi crolli e perche’, una volta terminati, sara’ possibile aumentare l’offerta di spazi fruibili per i visitatori”. L’intervento fa parte dei sei cantieri che mancano per chiudere la parte relativa all’intra moenia e da finanziare con le risorse del Pon 2017-2020. “Nonostante la complessa articolazione del cantiere – assicura Cipolletta – garantiremo il pieno rispetto del Protocollo di legalita’, attraverso il controllo degli accessi e dei pagamenti e il costante monitoraggio dei flussi finanziari tra tutti i soggetti della filiera”.