Gravidanza, paure e fantasie Incontro alla Clinica Mediterranea

64

La procreazione, evento straordinario, il più grande miracolo della natura, periodo di vita per la donna lungo molto ricco e complesso allo stesso La procreazione, evento straordinario, il più grande miracolo della natura, periodo di vita per la donna lungo molto ricco e complesso allo stesso tempo. Cambiamenti non solo fisici ma psicologici, unici a volte irreversibili, che suscitano in ogni donna sentimenti molto contrastanti da non sottovalutare: felicità, ma anche paure, fantasie, sogni e bisogni, desideri, sensibilità. E’ stato l’argomento del sesto incontro in calendario di Mondo Donna, iniziativa dedicata alle grandi tematiche dell’universo femminile, promossa e ideata da Celeste Condorelli, amministratore delegato della Clinica Mediterranea, e  volto ad esplorare le varie implicazioni, dagli aspetti fisiologici ai rischi patologici, alle azioni e gli interventi in campo sul nostro territorio che favoriscono sostegno e assistenza e una migliore informazione per aiutare le donne ad affrontare questo delicato momento. Se ne è parlato con i relatori dell’appuntamento, Caterina Arcidiacono, coordinatrice del Dottorato degli studi di genere, Ciro Guarino, responsabile dell’ U.O. Ginecologia e ostetricia – Clinica Mediterranea S.p.A., Giorgia Margherita, psicologa della Federico II, Flaminia Trapani, psicologa psicoterapeuta dell’ associazione Pianoterra Onlus, Eva Trifuoggi, psicoterapeuta dell’ età evolutiva e gruppi – dirigente psicologa A.S.L. NA1 UOCMI. Un nido per tre – Il benessere psico fisico del futuro bambino dipenderà anche dallo stato di benessere fisico e mentale della madre durante il periodo di attesa. Una guida per la donna in gravidanza della classe medica è stata offerta dal Guarino, che ha sottolineato l’importanza di giungere al parto preparati psicologicamente per poterlo affrontare con serenità ed equilibrio. Si è ricordato  la diffusione della cultura del parto spontaneo promossa attraverso l’esperienza  intensa di genitorialità, secondo i principi del rooming in integrale, dell’ innovativo modello assistenziale offerto dalla Clinica Mediterranea del “Nido per tre”, prima sala parto familiare  dotata di vasca con acqua dolce che favorisce una corretta evoluzione delle dinamiche familiari ed un equilibrato sviluppo psico-sociale del nascituro. L’importanza del gruppo preparto – Con Eva Trifuoggi, psicoterapeuta età evolutiva e gruppi si è parlato dell’importanza del gruppo preparto come luogo di riferimento, confronto, sostegno tra i più idonei all’espressione dei sentimenti e dei vissuti delle donne. Partendo dall’esperienza del gruppo preparto che si svolge presso il suo consultorio, quartiere Sanità, la Trifuoggi ha evidenziato la positiva integrazione dei tre diversi aspetti organizzativi improntati alla discussione di specifiche tematiche sanitarie richieste dalle donne con la presenza del ginecologo, del pediatra o dell’ostetrica, allo svolgimento di attività corporee e allo spazio dei vissuti e del confronto (le paure,le fantasie i sogni e i racconti dei propri legami familiari ). Il gruppo diventa così quasi come un luogo terapeutico nella creazione di legami di confronto e condivisioni che rassicurano e allontanano i momenti di solitudine. Le donne sanno molto in termini ostetrico ginecologici ma poco di quanto accade e può accadere nella psiche. Nell’essere madri un ruolo importante quello del dialogo tra ginecologo e futura madre. Caterina Arcidiacono, autrice di “Donne identità e psicoanalisi” (FrancoAngeli 1994), ha aperto una finestra sulle collusioni donna/ginecologo e reciprocamente ginecologo/donna nel corso della gravidanza e del parto, facendo luce sull’impatto non sempre positivo, dell’evoluzione tecnologica sulla cultura del diventare madre. Paure, ansie ma anche sogni e bisogni –  Un’accurata analisi dell’importanza del sogno durante la gravidanza è stata trattata da Giorgia Margherita, che ha presentato una ricerca realizzata su un campione di donne in attesa campane. Il sogno è spesso riconducibile all’esigenza di placare le tensioni sulle incertezze del cambiamento fisico e psichico in atto e causato proprio dallo stato gravidico. Dai sogni alla realtà operativa nel nostro territorio – L’Associazione Piano Terra, volta ad una utenza fragile da un punto di vista economico sociale e culturale caratterizzata da donne italiane e straniere, realizza progetti a sostegno della diade madre/bambino, della genitorialità e della famiglia, ha per esempio due punti di osservazione significativi sul nostro territorio. Oltre alla sede aperta quotidianamente ad un gran numero di donne/madri inserite in progetti attivi, con “Fiocchi in ospedale” finanziato da Save the Children Italia, offre uno sportello/ postazione all’interno dell’ospedale Cardarelli di sostegno alle donne in gravidanza e dei neogenitori. La parola alla sua fondatrice Flaminia Trapani, che partendo dal racconto di una ragazza madre srilankese, ha affrontato la gravidanza e la maternità con le sue ansie e paure nelle diverse culture e sui cambiamenti avvenuti negli anni , fino ad arrivare alla una riflessione sull’attuale organizzazione del nostro SSN nei confronti della donna/madre. Con la domanda inevitabile, sulla capacità di accogliere un quadro tanto articolato e complesso e di andare verso l’empowerment della donna affinchè sia veramente informata, consapevole ed autonoma nelle scelte che riguardano la sua salute. A chiudere gli interventi del pubblico in sala, il focus sulla necessità di porre attenzione al sentire il proprio corpo e la propria psiche per affrontare con la giusta consapevolezza il momento della procreazione, offerto da Alida Labella, psicologa  e psicoterapeuta e coordinatrice del gruppo strategico dell’iniziativa Mondo Donna.