Grillo junior, al processo per stupro si presentano a sorpresa due degli imputati

26

E’ cominciata dopo le 12.30 in tribunale a Tempio Pausania la terza udienza, a porte chiuse, del processo per violenza sessuale di gruppo, denunciata nel luglio 2019 da una giovane italo-norvegese, a carico di quattro imputati: Ciro Grillo, figlio del fondatore del M5S, e tre suoi amici. A sorpresa due di loro, Edoardo Capitta e Vittorio Lauria stamane erano presenti. L’altro imputato e’ Francesco Corsiglia. Tutti e quattro sono accusati anche di violenza nei confronti di un’amica milanese della ragazzi che li ha denunciati.
Stamane dovrebbe essere sentita la luogotenente dei carabinieri della Compagnia Duomo di Milano, che raccolse la denuncia delle ragazze il 26 luglio di tre anni fa, alcuni giorni dopo il fatto, e si occupo’ dei primi accertamenti sulle celle telefoniche dei quattro imputati. Sarà ascoltato anche un carabiniere del Reparto territoriale di Olbia, incaricato dei primi rilievi nella villa della famiglia Grillo, a Porto Cervo, in Costa Smeralda, indicata come luogo delle violenze denunciate. Inoltre, dovrebbe essere sentito l’amministratore del “Billionaire”, il locale dove i quattro ragazzi, la giovane italo-norvegese e una sua amica si erano incontrati, e un tassista che accompagno’ le ragazze dalla villa. Attesa anche la testimonianza dei vicini di casa. La giovane accusa i quattro ragazzi genovesi di averla violentata la sera tra il 15 e 16 luglio 2019 nella villa della famiglia Grillo in Costa Smeralda.