Grillo si stacca dal Movimento?

6

Roma, 26 ott. (AdnKronos) – Beppe Grillo vuole staccarsi dal Movimento facendo intraprendere al suo blog una strada diversa? Così sembrerebbe. Dopo aver lasciato le redini di capo politico del M5S nelle mani di Luigi Di Maio circa un mese fa, Grillo – a quanto apprende l’Adnkronos da fonti pentastellate – sarebbe ora pronto a ‘ristrutturare’ il suo blog, affrancandolo dall’attività strettamente politica del Movimento 5 Stelle.

La decisione del garante sarebbe dettata dalla volontà di rendere il sito beppegrillo.it uno spazio più autonomo, destinato ad accogliere riflessioni personali e alla promozione della sua attività di uomo di spettacolo. Non a caso, pochi giorni fa, a margine di uno spettacolo a Trento, Grillo ha fatto un mea culpa: “Abbiamo sbagliato qualcosa nella comunicazione”. E chissà che queste parole non fossero proprio riferite al ruolo del blog.

Del resto, il 25 aprile 2016, Davide Casaleggio – pochi giorni dopo la scomparsa di suo padre Gianroberto – lanciò il Blog delle Stelle come nuovo ‘house organ’ M5S. “Tutto è partito da un blog a cui ho dedicato molto del mio tempo ogni giorno negli ultimi 11 anni. Oggi sono decine le voci autorevoli del MoVimento e per questo è necessaria un’evoluzione di quello che è stata una rivoluzione culturale in Italia: portare il cittadino a decidere del suo destino”, si legge nel post di esordio del Blog delle Stelle: un messaggio postumo firmato proprio da Casaleggio senior.

Questa volta però Grillo vorrebbe marcare ancora di più la differenza tra il suo blog (che continua a veicolare comunicati e messaggi degli eletti 5 Stelle) e il sito creato l’anno scorso: un restyling che però non impedirebbe al garante M5S di continuare a trattare temi politici. Grillo sarebbe intenzionato a definire la transizione in tempi brevi, ma, a quanto si apprende, Davide Casaleggio avrebbe chiesto al garante di attendere le politiche del 2018.

Ma in un post sul suo blog il comico genovese ci tiene a precisare: “Non c’è nessun divorzio tra me e Casaleggio. Secondo la stampa avremmo dovuto divorziare 3, 4 volte. Ma non posso permettermelo: vi immaginate quanto mi costerebbe di alimenti?”.