Gruppo Grimaldi: la ricchezza prodotta nel 2018 supera i 3 mld (100 mln in più rispetto al 2017). Cresce l’impegno nel sociale

413

E’ di oltre 3 miliardi di euro la ricchezza prodotta dal Gruppo Grimaldi nel corso del 2018, 100 milioni circa in più rispetto all’anno precedente. Una somma redistribuita per l’80% tra fornitori, dipendenti, finanziatori, pubblica amministrazione e comunità sociale, a testimonianza dell’impegno socio-economico del Gruppo. E’ quanto emerge dal Report di Sostenibilità pubblicato dal Gruppo, proseguendo un percorso avviato nel 2015, con l’intento di rendicontare la propria performance economica, ambientale e sociale.

I punti di forza aziendali e finanziari

Punto di forza del Gruppo Grimaldi è l’efficienza della propria flotta che risulta composta, alla fine dell’esercizio 2018, da oltre 130 navi, di cui 116 di proprietà, con un’età media di circa 13 anni, significativamente inferiore alla media del settore nonché alla vita utile delle navi.
Il piano di rinnovo e potenziamento della flotta è proseguito nel corso dell’anno con la consegna di nuove unità e contestualmente l’ordinativo di ulteriori: 18 sono le navi di ultima generazione attualmente in costruzione presso cantieri cinesi, di cui 12 della categoria hybrid ro-ro “Grimaldi Green 5th Generation” (GG5G) e 6 Pure Car & Truck Carrier, per un investimento totale di oltre 1 miliardo di USD. Le GG5G saranno i primi esemplari di una nuova serie di navi hybrid ro-ro, che utilizzeranno motori di ultima generazione controllati elettronicamente ed alimentati da carburante fossile con trattamento dei gas di scarico in navigazione ed energia elettrica durante la sosta in porto, garantendo Zero Emission in Port.

La sensibilità ambientale

“La forte sensibilità ambientale – si fa notare in una nota diffusa dal Gruppo – è confermata dai numerosi progetti finalizzati alla riduzione dell’impatto ambientale delle navi, che hanno permesso di ottenere miglioramenti nell’esercizio in esame in termini di emissioni di CO2 e di SO2. Oltre agli investimenti in reblading, scrubber e rebulb, il Gruppo Grimaldi ha sviluppato l’innovativo progetto Zero Emission in Port, al fine di permettere alle navi operate una sosta in porto senza motori ausiliari in movimento e dunque senza emissioni nocive da parte di questi ultimi”.

La Fondazione e le attività no profit

Nel sociale, il Gruppo è sempre più attivo nel destinare una parte dei profitti ad organizzazioni caritatevoli e culturali in Italia e all’estero, anche tramite le società controllate ACL, Finnlines e Minoan Lines. La Fondazione Grimaldi Onlus, nata nel 2007 ed interamente partecipata dalla Famiglia Grimaldi, è la principale fondazione privata del Centro-Sud Italia per somme erogate nel 2018 ed opera senza scopo di lucro perseguendo esclusivamente fini di solidarietà sociale. Essa è finanziata principalmente dalla Famiglia Grimaldi e beneficia di una percentuale degli utili annui del Gruppo. Durante il 2018, la Fondazione ha posto stabilmente la propria sede presso l’ex Istituto Bianchi, uno dei palazzi più antichi e prestigiosi del centro di Napoli, che sarà sede dei principali progetti dell’ente.

I numeri aziendali

Alla base del successo e della crescita delle attività del Gruppo Grimaldi ci sono le capacità e la qualità dei propri dipendenti, sia a terra che a bordo delle navi. Sono 16.000 circa le persone (il 79% italiani e di altre nazionalità UE), tra personale amministrativo e di mare, che nell’esercizio hanno lavorato nelle varie sedi e terminal Grimaldi ubicati in tutto il mondo ed hanno navigato sulle navi della flotta. Non è un caso dunque se, anche durante il 2018, il Gruppo Grimaldi e le sue società controllate sono stati ripetutamente premiati per la qualità offerta nei servizi di trasporti passeggeri e merci.