Gruppo Lauro, al via la app di Siremar Compagnia delle Isole

52

Da Sabato 15 Agosto sarà scaricabile, gratuitamente, dal web l’ Applicazione mobile di Siremar Compagnia delle Isole. L’innovativo strumento di comunicazione è il frutto della collaborazione tra l’ Ufficio Commerciale della Siremar Cdi e la Pointel Comunication Spa due pilastri del Gruppo Lauro che ne ha curato lo sviluppo. Punti di forza del neonato strumento di comunicazione sono l’ informazione in tempo reale sullo stato delle corse, gli orari di arrivo e partenza, la posizione delle unità della flotta, il contatto diretto con le agenzie di scalo e tanto altro ancora. Un’ ampia sezione di essa, Siremar Isole + Smart ( nome completo della App ), la dedica alla “comunicazione turis tica” favorendo così sia la conoscenza del territorio quanto la promozione turistica delle destinazioni raggiunte dalla compagnia (Isole Eolie, Isole Egadi, Isole Pelagie, Ustica e Pantelleria oltre alla linea Napoli-Isole Eolie-Milazzo). Le informazioni circa accadimenti imprevisti quanto eccezionali sul servizio di navigazione giungeranno agli utilizzatori della App. mediante notifica attraverso avvisi push.

Come scaricare la app

La versione 1.0 di Siremar Isole + Smart è scaricabile gratuitamente dagli Store Apple o Android cercando Siremar, oppure dai link inseriti sul sito www.siremar.it. Un’ ulteriore novità è rappresentata dal supporto per l’ Apple Watch, per i possessori del dispositivo indossabile di Apple saranno disponibili tutte le notifiche generate dall’ App.Salvatore Lauro Il presidente di Cdo, Salvatore Lauro, già a capo del Gruppo Lauro, in occasione del lancio della App sottolinea l’importanza strategica del programma smart city per le isole definendolo “una grande opportunità di crescita e sviluppo per le isole minori, capace di generare un sistema competitivo dell’accoglienza, opportunità che per gli imprenditori privati è raggiungibile attraverso la rete d’impresa ed una maggiore collaborazione c on le Istituzioni, nella fattispecie con l’ assessorato ai Trasporti della Regione Sicilia ed i Comuni che hanno inteso aderire al progetto. Questa l’unica arma di rilancio per un Mezzogiorno sempre più dimenticato”.