Guardia Costiera di Napoli sequestra nave russa con un carico di olio di palma

55

Nella giornata di ieri, 27 dicembre, gli uomini della Guardia Costiera di Napoli – Nucleo Port State Control, guidati dal contrammiraglio Arturo Faraone, hanno emanato un provvedimento di fermo a carico della nave chimichiera “Milagress” di nazionalità russa, carica di olio di palma per uso alimentare. A seguito di una dettagliata ispezione (cd. more detailed), è emerso che l’unità in questione risultava avere fuori servizio il dispositivo di arresto carburante in caso di incendio in sala macchine (cd.quick closing valves), la cui dotazione è obbligatoria per legge; il mancato funzionamento di questo efficiente impianto, dovuto essenzialmente a mancata manutenzione, costituisce una grave minaccia in termini di sicurezza della navigazione, sottolineata inoltre, nel caso di specie, dalla scarsa familiarità dimostrata dall’equipaggio con i vari compiti assegnati in caso d’incendio a bordo. Al momento l’unità risulta ancora ferma nel porto di Napoli, in attesa degli accertamenti da parte dell’organismo competente, da eseguirsi successivamente alle riparazioni richieste. Ad oggi, dall’inizio dell’anno, risultano 15 (quindici) le unità mercantili straniere sottoposte a fermo in quanto riscontrate difformi rispetto ai minimi standard di sicurezza previsti dalla  normativa Internazionale, ponendo di fatto il nucleo PSC di Napoli al primo posto in Italia per numero di navi detenute.