Guerra di insulti Trump-Kim: “E’ un ‘piccolo pazzo'”

40

Washington, 23 set. (AdnKronos) – Continua la guerra di insulti tra Donald Trump e Kim Jong-un. Il presidente americano – definito un “vecchio rimbambito” dal leader nordcoreano – è tornato a parlare di ‘rocket man’ come di un “pazzo”. Nel corso di un comizio ieri sera in Alabama, Trump ha detto: “Non possiamo avere dei pazzi in giro che lanciano missili dappertutto”.

Poi il presidente americano ha attaccato nuovamente le precedenti amministrazioni democratiche per non aver fermato il leader nordcoreano: “Rocket man – ha denunciato, utilizzandolo il nomignolo che gli ha affibbiato qualche giorno fa – avrebbe dovuto essere gestito molto tempo fa da Clinton, da Obama”.

LE CRITICHE – Trump non ha risparmiato critiche neanche alle precedenti amministrazioni repubblicane, pur non citandole esplicitamente. La questione “avrebbe dovuto essere gestito otto anni fa e quattro anni fa e, onestamente, 15 anni fa, 20 anni fa, 35 anni fa. Non avrebbe dovuto essere gestita adesso, ma adesso lo farò io, perché bisogna farlo”.

“Piccolo Rocket Man – ha continuato il presidente americano, assicurando che “proteggerà” il popolo degli Stati Uniti (“nessuno metterà il nostro popolo in pericolo”) – lo faremo, perché veramente non abbiamo altra scelta”.