I 4 nodi della manovra

23

(AdnKronos) – Sono alcuni dei punti cardine della politica fiscale dell’esecutivo. E con la alla porte sono diventate le misure con le quali il governo giocherà la sua partita più importante. Parliamo di flat tax, reddito di cittadinanza, pace fiscale e pensioni, quattro nodi che dovranno essere sciogli presto, soprattutto sul fronte delle coperture. Mentre il titolare del Tesoro Giovanni Tria rassicura i mercati, il vicepremier Di Maio lo avverte: “deve trovare le risorse”.

FLAT TAX – Tra i nodi da sciogliere c’è la flat tax per cittadini e imprese, cavallo di battaglia dei leghisti. Una misura che prevede due regimi semplificati. La prima aliquota al 15%, – ha spiegato all’AdnKronos il sottosegretario all’Economia, Massimo Bitonci – potrebbe riguardare “chi ha ricavi fino a 65mila euro, senza contabilità e Iva” mentre si pensa “a un 5% in più, quindi flat al 20%, fino al tetto da 100mila euro di redditi”. Tra le novità possibili anche una mini flat tax con un’aliquota al 5%, per tre-cinque anni, per le start up di giovani under 35, con ricavi fino a 65mila euro.

Sul tavolo del governo anche l’opzione di un taglio delle accise, la cedolare secca sulla locazione degli immobili commerciali, l’Ires al 15% per le società che reinvestono gli utili e un possibile taglio dell’Irpef, dal 23 all 22%. Ma è possibile comunque che la riduzione slitti al 2020. I Cinquestelle non sono contrari alla misura ma a condizione che non aiuti i ricchi. “Sono d’accordo ad abbassare le tasse e la condizione che abbiamo posto alla Lega è che non deve aiutare i ricchi, ma la classe media, le persone più disagiate che pagano le tasse da una vita e che in tutti questi anni hanno finanziato sprechi e privilegi con le proprie tasse” ha detto Di Maio.

REDDITO CITTADINANZA – Misura portante del programma Cinquestelle, il reddito di cittadinanza è un altro dei nodi da sciogliere. Per finanziare il reddito di cittadinanza, servirebbero almeno 10 miliardi di euro, dei quali 2 mld solo per potenziare i centri per l’impiego. Salvini ha rimarcato che “l’importante è che non sia un reddito per stare a casa sul divano a guardare la televisione”. Di Maio ha precisato che “insieme alle infrastrutture” è “la prima misura per il Sud”. “Ma non significa dare soldi alle persone per stare sul divano – ha chiarito – perché noi che siamo del Sud ce li ricordiamo i soldi dati alle persone per starsene sul divano in cambio di voti. Per questo vogliamo fare una misura totalmente diversa”.

PACE FISCALE – Il governo studia anche diverse declinazioni di pace fiscale: sul fronte leghista si punta a un intervento di più ampio respiro, sul fronte M5S si opta per introdurre uno sconto molto vantaggioso per erodere l’enorme mole di cartelle di difficile riscossione. La pace fiscale “è imprescindibile” ha detto il premier Giuseppe Conte in un’intervista a ‘La verità’. Ma guai a parlare di condono fiscale. “Il Movimento 5 Stelle non è disponibile a votare nessun condono – ha sottolineato Di Maio -. Se stiamo parlando di pace fiscale, di saldo e stralcio siamo d’accordo, ma se parliamo di condoni non siamo d’accordo”.

PENSIONI – Sul fronte previdenziale, il governo lavora su due fronti: la quota 100 promessa da Salvini e le pensioni di cittadinanza volute dai Cinquestelle. Sul primo versante si stanno valutando i ritocchi alla Fornero riducendo l’età di ritiro dal lavoro con l’introduzione di quota 100. Il vicepremier leghista punta a 62 anni di età e 38 di contributi, mentre al Tesoro si lavora su 64 anni e 36 di contributi. La seconda misura consiste nell’allineamento graduale dell’assegno dei pensionati indigenti (in totale 4,5 milioni) a quota 780 euro mensili, valore che l’Istat considera come soglia di povertà.

Per avviare l’intervento si ragiona sul taglio delle pensioni d’oro, quelle superiori ai 4mila euro non giustificati dai versamenti contributivi, che porterebbero però una cifra esigua, circa qualche centinaio di milioni di euro. Ieri Di Maio ha assicurato: mai più pensioni minime inferiori ai 780 euro. Dal 1 gennaio 2019, ha promesso il vicepremier, scatterà l’aumento. “Avere una pensione per sopravvivere un intero mese è un principio di civiltà”, ha ribadito.