I consulenti presentano il Festival del lavoro a Milano

35

Milano, 26 giu. (Labitalia) – Nella classifica delle dieci province (su 107) dove i lavoratori dipendenti guadagnano di più sette sono lombarde. La regione ha anche il primato del mercato del lavoro più inclusivo, considerando il tasso più basso a livello nazionale di giovani che non lavorano e non studiano (Neet). Sono alcuni dei dati, riferiti alla Lombardia, che emergono dal terzo rapporto nazionale dell’Osservatorio statistico dei consulenti del lavoro ‘Le dinamiche del mercato del lavoro nelle province italiane’, e che verranno anticipati domani, 27 giugno, alle 12, presso la Sala Marra di Palazzo Marino, a Milano, del corso della conferenza stampa di presentazione del Festival del Lavoro 2018, manifestazione organizzata dal Consiglio nazionale dell’ordine dei consulenti del lavoro.

A prendere parte alla conferenza dell’edizione 2018 della kermesse del lavoro la presidente del Consiglio nazionale dell’ordine dei consulenti del lavoro, Marina Calderone, il presidente della Fondazione Studi, Rosario De Luca, il presidente del Consiglio provinciale dell’Ordine di Milano, Potito Di Nunzio, e la presidente della commissione politiche per il Lavoro, sviluppo economico, attività produttive, commercio e risorse umane del Comune di Milano, Laura Specchio.

Il Festival del Lavoro, oramai alla sua nona edizione, prenderà il via il 28 giugno al MiCo – Milano Congressi – per poi concludersi sabato 30 giugno, dopo numerosi eventi e dibattiti in contemporanea incentrati sui ‘dialoghi sul futuro’ dell’Italia. Il centro di questa edizione il tema dell’occupazione e delle riforme da attuare per cambiare le prospettive future del mercato del lavoro del nostro Paese, con una particolare attenzione verso i più giovani. Hashtag ufficiale della tre giorni #lavoroefuturo e l’obiettivo è quello di elaborare proposte concrete per promuovere la ripresa attraverso lo scambio di idee tra gli oltre 250 ospiti che hanno confermato la loro partecipazione.