Ibdo: “Obesi sono fragili per vaccini Covid ma non per accesso a cure”

19

Roma, 12 apr. (Adnkronos Salute) – “Le persone con obesità sono state inserite tra categorie prioritarie da vaccinare in quanto ad ‘elevata fragilità’ in correlazione al tasso di letalità associata a Covid-19”, ma “l’obesità, in Italia non è inserita nella lista delle malattie croniche, le prestazioni non sono inserite nei livelli essenziali di assistenza (Lea), non esiste una rete nazionale di cura per l’obesità e non esiste un piano nazionale ad hoc. E’ il momento di cambiare nella lotta all’obesità!”. Questa la conclusione di un editoriale, a firma di Renato Lauro, presidente dell’Italian barometer diabetes observatory (Ibdo) Foundation, Andrea Lenzi, Coordinatore Open Italia, e Paolo Sbraccia, Vicepresidente Ibdo Foundation, spunto di riflessione per il dibattito degli esperti riuniti in occasione del terzo Italian Obesity Barometer Summit: “Considerare l’obesità una priorità sistema del sanitario”.