Ibl Banca, continua lo shopping in Campania: rilevata la Capasso Antonio Spa, storico istituto di Alife

500
in foto un'immagine d'epoca di una sede della Banca Capasso

Ibl Banca, capogruppo dell’omonima holding bancaria, leader nel settore dei finanziamenti tramite cessione del quinto dello stipendio o della pensione, chiude l’accordo con Salvatore e Rosa Capasso, Ferdinando e Domenico Parente, soci della Banca Capasso Antonio Spa e Ibl Banca Spa hanno per l’acquisizione dell’intero capitale sociale dell’istituto di credito di Alife (in provincia di Caserta) fondato nel 1912. . Nell’operazione i soci della Banca Capasso Antonio Spa sono stati assistiti da Negri-Clementi Studio legale (Annapaola Negri-Clementi e Arianna Leonardelli) mentre Ibl Banca è stata assistita da Gop (Alessandro Giuliani e Nicola Zito) per gli aspetti legali e da KPpmg nel ruolo di Advisor finanziario.
L’operazione, soggetta ad autorizzazione della Banca d’Italia, attesa entro il primo semestre 2021, prevede, si legge in una nota diffusa dall’istituto, “il mantenimento e la crescita dei livelli occupazionali e un rafforzamento della presenza territoriale finalizzati ad una maggiore creazione di valore e di sviluppo commerciale nel segmento retail”.

Una storia secolare
L’acquisizione da parte di Ibl Banca, forte di 54 filiali e oltre 700 dipendenti, consentirà all’istituto campano di beneficiare, si legge ancora nel comunicato, “di importanti sinergie a supporto della crescita del territorio, migliorando ulteriormente la soddisfazione della propria clientela.La Banca Capasso, che al 30 giugno 2020 registra un Tier 1 ratio al 47,66%, con oltre 32 milioni di euro di fondi propri e crediti alla clientela per circa 60 milioni di euro, si adatta ai cambiamenti che l’era digitale impone, facendo leva sulla cultura e sul know-how maturati da oltre un secolo dalla fondazione che avvenne il 27 ottobre 1912, salvaguardando altresì la professionalità e le competenze dei propri dipendenti”.
“L’accentuata capacità di sviluppare e consolidare rapporti e relazioni di lungo termine con la propria clientela – afferma Salvatore Capasso, Amministratore delegato della Banca -, accompagnata da un efficace orientamento strategico, ha garantito negli anni la salvaguardia del patrimonio aziendale, anche attraverso l’impegno nella valorizzazione del patrimonio storico-artistico del territorio e l’elargizione di contributi per iniziative di carattere formativo, sportivo e istituzionale quale mezzo di promozione ma altresì quale contributo durevole in favore del territorio, al fine di valorizzare le peculiarità e migliorandone la crescita socio-culturale”. D’altro canto, “la forte spinta verso le aggregazioni bancarie, a seguito del cambiamento delle condizioni di offerta dei servizi bancari, in un’epoca in cui l’innovazione procede sempre più rapidamente – spiega Mario Giordano, Amministratore delegato di Ibl Banca – impone un nuovo modello di fare impresa che permetta alla banca di competere pur rimanendo ancorata ai propri territori di origine”.

Nasce una Fondazione
“Tutto il comprensorio – si chiude la nota – ricaverà indubbi benefici da questo consolidamento, anche perché i nipoti del fondatore, Salvatore e Rosa Capasso, Ferdinando e Domenico Parente, hanno intenzione di istituire una Fondazione intitolata ad Antonio Capasso, che affianchi la nuova Banca e diventi un faro per i giovani, una moderna factory dove è possibile investire in conoscenza”.