Ict, l’Ue lancia Connect2Sea Un ponte sul Sud Est Asiatico

29

Si chiama Connect2Sea ed è un programma finanziato dalla Commissione europea con le risorse del Settimo Programma Quadro per promuovere accordi tra gruppi di ricerca europei e team provenienti dal Sud Si chiama Connect2Sea ed è un programma finanziato dalla Commissione europea con le risorse del Settimo Programma Quadro per promuovere accordi tra gruppi di ricerca europei e team provenienti dal Sud Est Asiatico (Sea) attivi nel campo delle Ict. Tre gli obiettivi del progetto avviato da Bruxelles: supportare l’internazionalizzazione di temi di ricerca connessi con l’Innovation and communication technology, favorire lo sviluppo e reti di conoscenza e di innovazione, creare piattaforme tecnologiche, cluster e organizzazioni nei temi di interesse comune. E ancora: promuovere le opportunità di finanziamento nell’ambito di Horizon 2020 e individuare possibili sinergie tra programmi di innovazione ricerca, sviluppo comunitari e dell’Asia Sudorientale; infine arricchire e sostenere il dialogo incentivando esperienze di collaborazione nel campo della ricerca nel settore delle Ict. Contributo L’iniziativa prevede un contributo per il rimborso dei costi di viaggio e organizzazione di workshop (esclusi salari, quote di iscrizione e spese generali) con un tetto differenziato a seconda delle misure. Per gli “individual travel grant” (viaggi individuali) sono previsti fino a 2mila euro per un viaggio di una settimana (un ricercatore Ue verso il Sud Est Asiatico o viceversa); per gli “event or cooperation grant” (eventi o cooperazione) fino ad un massimo di 10mila euro a proposta (la media dovrebbe variare tra i 5mila e i 7mila euro). Con le risorse del bando potranno essere finanziati fino a 20 progetti. Attività finanziabili Per gli “individual travel grant”saranno coperti da contributo costi di viaggio per la partecipazione ad eventi di brokeraggio con sede nell’Ue legati al tema Ict nell’ambito di Horizon 2020 per promuovere le competenze di un team di ricerca e sviluppo proveniente dall’Asia Sudorientale; costi di viaggio verso l’Ue da parte di partner Sea al fine di elaborare una proposta nell’ambito di un topic specifico inserito nel programma di lavoro Ict di Horizon2020 per il biennio 2014-2015; costi di viaggio relativi a un soggiorno presso un partner in Europa da parte di un gruppo di ricerca asiatico o viceversa. Per gli “event or cooperation grant” è previsto il finanziamento dei costi relativi alla logistica e le spese di viaggio dei relatori invitati per l’organizzazione di seminari congiunti o simposi; visite di piccole delegazioni; sessioni o mini-simposi all’interno di conferenze scientifiche; attività comuni al fine di elaborare uno specifico piano di sviluppo e un accordo per una futura collaborazione. Tutte le attività dovranno essere concluse entro il 31 luglio 2015. Temi Le proposte potranno riguardare tutti i topic presenti nel programma di Ict di Horizon 2020; topic relativi a temi di interesse comune per l’Unione Europea e per la Sea con una forte componente Ict all’interno di sei sfide sociali: salute, cambiamento demografico e benessere; energia sicura, pulita ed efficiente; trasporti intelligenti, verdi e integrati; clima, ambiente, efficienza delle risorse e materie prime; società inclusive e innovative (e-learning e e-government), sicurezza digitale. Destinatari Al bando possono partecipare persone giuridiche pubbliche e private attive nel campo delle Ict, reti, cluster provenienti dalla Ue o dai paesi associati a Horizon2020 e dai paesi del Sud Est Asiatico (Brunei Darussalam, Cambogia, Indonesia, Lao Pdr, Malesia, Myanmar, Filippine, Singapore, Thailandia, Vietnam). Le domande devono essere presentate congiuntamente da almeno due candidati, di cui almeno un partner Ue e almeno uno Sea, entro il prossimo 31 maggio.