Idee che meritano di essere raccontate, al via la V edizione del TedxNapoli

32

“Jump” è il tema della V edizione del TEDxNapoli, in programma domenica 28 ottobre – a partire dalle ore 14.00 – nell’Auditorium dell’Hotel Royal Continental sul “Lungomare liberato” di Napoli, che vedrà Alun Be e altri 10 speakers alternarsi sul palco per raccontare, secondo la formula del TED, il loro “salto”. Un salto come quello che ha compiuto Antonio Bosso, un ragazzo di 22 anni cresciuto a Barra, periferia est di Napoli, familiari ospiti delle patrie galere, quando ha dovuto scegliere tra la strada e una vita onesta, e lo ha fatto scegliendo il parkour, disciplina metropolitana che consente di trasformare ogni ostacolo in opportunità. Oggi Bosso è uno dei migliori traceur del mondo e, con l’associazione di cui fa parte, “Il Tappeto di Iqbal”, in sinergia con grandi organizzazioni e istituzioni, lavora con i minori di Barra usando metodologie pedagogiche alternative (circo, parkour, teatro, break dance, danza aerea) come mezzo di espressione artistica e benessere psicofisico, togliendo ragazzi alla strada arrivando a costituire un’esperienza sociale di riferimento internazionale.

O come quelli che compie Dylan Dog quando finisce sul baratro, lo accetta e da lì trova la forza di rinascere. Paola Barbato, scrittrice e sceneggiatrice, nella serie dal 1999 (ha firmato gli albi con gli eventi più importanti della storia del protagonista), racconterà come nascono le storie di quella che è diventata un’icona dei fumetti e come, grazie alle sue debolezze, alle sue fragilità, al suo essere personaggio reale – che cade, fallisce e si rialza dalle difficoltà – e non un supereroe, riesce ad entrare in empatia con il lettore.

Gli altri speakers

Calcherà le tavole del palcoscenico del TEDxNapoli 2018 – organizzato dal team del Riot studio con il patrocinio del Comune e della Città Metropolitana di Napoli e con il supporto di diversi partner privati – la mamma dei record che domina gli abissi. Mariafelicia Carraturo, 48enne napoletana (erede dell’omonima dinastia di pasticcieri), lo scorso 25 agosto ha stabilito a Sharm el Sheikh il nuovo record del mondo Cmas di apnea in assetto variabile con la monopinna, scendendo a una profondità di 115 metri, in 3 minuti e 4 secondi. Separatasi dal marito, a 36 anni vive le prime due settimane di vacanza da sola, con i bambini in viaggio col papà. Frequenta un corso di apnea, scopre una vera e propria predisposizione e inanella record su record: finora sei italiani e uno mondiale in 4 discipline diverse. Oltre a quello di «minore gioventù», visto che mai nessuna donna della sua età aveva raggiunto le sue profondità. Il suo jump? Uscire dallo stereotipo di donna solo mamma e figli e trovare la propria dimensione con passione e determinazione anche dopo una separazione.

Quello di Serena Marchionni invece parte dalle mappe e dalle cartografie per approdare sul territorio, per “camminarlo” e conoscerlo in maniera viva e diretta, sentendone gli odori, i suoni, i colori, parlando con la gente e con le istituzioni: solo così, dal di dentro, può nascere e scaturire una pianificazione urbanistica che sappia coglierne le esigenze.

Sempre sui temi del territorio e dell’ambiente il jump di Maria Cristina Gambi, ricercatrice presso la Stazione Zoologica Anton Dohrn. Il suo salto ci porterà nel futuro, come una macchina del tempo: i suoi studi hanno portato alla scoperta di aree nel Golfo di Napoli in cui è possibile già oggi osservare quale sarà la situazione dell’ambiente marino del pianeta alla fine del secolo, a causa delle emissioni di CO2 di natura vulcanica presenti in particolare nelle acque circostanti l’isola d’Ischia che generano processi di innalzamento dell’acidificazione e della temperatura. Sotto il profilo scientifico, il Golfo di Napoli avrebbe caratteristiche uniche e un’importanza enorme, pari alla Baia di San Francisco.

Ci saranno, inoltre, Sergio Spaccavento, uno dei creativi italiani di maggior successo, autore di programmi televisivi e radiofonici, che farà un salto nel lato oscuro della comicità; Annie Warburton, direttrice creativa del Craft Council, una sorta di Camera dell’Artigianato britannica, che promuove il salto dalla tradizione all’innovazione coniugando l’arte manuale con le moderne tecnologie e le più nuove forme di comunicazione e di formazione, da effettuare anche nelle scuole, nella direzione di un artigianato 4.0; il giovane imprenditore Gianandrea Ferrajoli, al timone dell’azienda di famiglia che opera nel settore trasporti, il quale – partendo dalla consapevolezza che, con lo sviluppo dell’e-commerce, entro il 2025 circa il 70% delle merci italiane e europee viaggerà su strada – promuove l’utilizzo di LNG (gas naturale liquido) per rifornire i camion: un’innovazione che permette di tagliare drasticamente non soltanto i costi, ma soprattutto i consumi e le emissioni inquinanti, anche con il coinvolgimento dei consumatori finali.

Daniela Allocca, assegnista di ricerca in letteratura tedesca all’Università “L’Orientale” di Napoli, declamerà una “poetry talk” mescolando tante lingue diverse, in unjumping linguistico che testimonierà come anche il multilinguismo possa portare alla salvezza: ognuno può trovare le risorse di cui ha bisogno in altre idiomi, in altre culture.

E poi focus sulla materia oscura, con Aldo Ianni, responsabile della NOA, la Nuova Officina Assergi presso il laboratorio del Gran Sasso, che “farà luce” su questo aspetto ancora poco conosciuto: l’energia oscura è 400 volte superiore a quella luminosa, è intorno a noi, ci circonda, noi la sentiamo ma non riusciamo a vederla. Un po’ come per le onde gravitazionali. Ne conoscevamo l’esistenza, ma ci sono voluti 100 anni per riuscire a misurarle. Grazie alle ricerche di

Ianni e del suo team, i cui esperimenti possono svolgersi solo in sotteranea, sarà possibile approdare ad un salto di conoscenza sull’universo e sull’umanità? Di certo, assicurano i bene informati, ne sentiremo presto parlare.

“Jump”

“Jump è movimento, un cambiamento di stato che può avere diversi esiti e diverse finalità”, afferma Francesca Nicolais, con Valeria Scialò organizzatrice dell’evento. “Si può saltare in avanti, all’indietro, verso l’alto, rimanendo sul posto. Generalmente si salta per evitare ostacoli, ma, in senso figurato, si può fare un salto di qualità, un salto nel tempo, un salto nel buio o nel vuoto. Abbiamo scelto questo tema perché oggi è proprio ciò di cui abbiamo bisogno: un jump che proietti in avanti, che muova, che generi energia”.

“Il salto implica, necessariamente – ha aggiunto Scialò – un rapido passaggio da stato a stato e, quasi sempre, è questa la parte più interessante che vale la pena raccontare perché spiega dove si è individuata e come è strutturata quella molla che è stata la propulsione, fisica o mentale, che ha consentito di raggiungere una nuova posizione”.

La formula

Gli speakers avranno dai 3 ai 18 minuti – secondo la formula del TED – per esporre le loro ‘ideas worth spreading’, idee che meritano di essere diffuse. Le talk saranno poi caricate sul canale youtube TEDxtalk, che conta più di 7 milioni di iscritti ed ha superato la cifra impressionante di due miliardi di visualizzazioni l’anno, e saranno tradotte e sottotitolate progressivamente in tante più lingue quante maggiori saranno le visualizzazioni sul web.

Che cos’è TED

TED (Technology, Entertainment, Design) nasce circa trent’anni fa in California per dare un palco a chiunque avesse un’idea interessante da condividere, un’idea potenzialmente in grado di cambiare il mondo. Da allora l’organizzazione è votata a dare voce alle ‘idee che meritano di essere diffuse’.

Nell’arco della sua storia TED ha ospitato personaggi del calibro di Bill Gates, Al Gore, Stephen Hawking, Philippe Starck, Gordon Brown, Daniel Kahneman e Isabel Allende.

Oggi il progetto TED include il sito dove sono raccolti i video «TED Talks», il progetto «Open Translation» e «TED Ed», i «TED Fellows», oltre al «TED Prize» che si tiene ogni anno.

Con l’intento di ispirare sempre più persone TED ha lanciato, altresì, un programma di eventi locali organizzati in modo indipendente denominati TEDx. Il TEDx si è diffuso in più di 170 paesi e ha superato la soglia di due miliardi di visualizzazioni sul canale YouTube TEDxTalks.

Per acquistare gli ultimi biglietti rimasti occorrerà connettersi al sito ufficiale www.tedxnapoli.com e cliccare sulla sezione biglietti o direttamente al link https://goo.gl/HBDWa1.