Ieri, Oggi, Domani sfida la crisi con il nuovo menù versione autunno/inverno

412
In foto da sinistra Gianni Ostetrico, Giovanni Casillo, Pasquale Casillo, Antonio Castellano

Una realtà durissima quella riguardante i contenimenti sanitari per il comparto ristorativo. Una situazione  drammatica  da affrontare, per un settore che fin dall’inizio della pandemia e dal primo lockdown ha dovuto  fare i conti con le limitazioni e la carenza di introiti e con le ripercussioni economiche su gestori e lavoratori. Una questione decisamente tragica che mentre mette tutti di fronte al quesito concernente l’effettiva necessità del disastroso stop e all’evidente mancanza di  aiuti concreti,  vede tuttavia all’opera chi non si abbatte e reagisce con ogni mezzo.  Tra questi, il patron della Trattoria e Pizzeria “Ieri, oggi, domani”, Pasquale Casillo, che in via Nazionale a Napoli, senza fermarsi dinanzi alle difficoltà scaturite dal Covid,  capaci di mettere in ginocchio l’economia dell’intero settore, insiste nel portare avanti una missione iniziata nel nome della cucina napoletana e della pizza. Riaccendendo il ricordo della grande avventura del ristorante “La Fila”, della popolare Signora Elvira, il ritrovo culinario “Ieri Oggi, Domani”, continua tra cucina e pizzeria, nonostante le gravi difficoltà del momento, a tenere banco in città tra gli amanti dei piatti della tradizione partenopea. Ed è stato proprio alla presenza della leggendaria Elvira, popolare  protagonista del locale tra gli anni Ottanta e Novanta, che grazie all’opera dello chef Antonio Castellano e del pizzaiolo Gianni Ostetrico, la trattoria-pizzeria guidata dal patron Pasquale, ha presentato in anteprima alcune delle specialità del nuovo menù autunno-inverno 2020/2021. Accendendo i cuori di quanti dalla buona cucina e dalla pizza riescono ancora a trarre giovamento per il palato e lo spirito “Ieri, Oggi, Domani”, riesce a offrire sempre il meglio. Così, a pochi passi dal Corso Meridionale, il locale che per il suo nome si ispira all’omonimo e celebre film, Premio Oscar 1965, diretto da Vittorio De Sica con Sofia Loren e Marcello Mastroianni, intende rappresentare uno di quei tipici luoghi di aggregazione tanto amati dai partenopei e dai suoi artisti. Frequentato da personaggi del cinema, del teatro, della televisione e della cultura, “Ieri, Oggi, Domani” si presenta come un polo d’attrazione per chi intende fare della buona tavola un motivo di piacere e di relax. Arredato puntando sui temi del cinema italiano anni Sessanta, e sui ricordi legati ai grandi studi della Titanus e di Cinecittà, la trattoria-pizzeria con la vocazione del luogo cult, si avvia decisa verso una crescita fatta di qualità e accoglienza. «Ricco di piatti ispirati alla cucina tradizionale napoletana, proprio come quelli presentati per il nuovo menù autunno e inverno 2020-2021 – ha spiegato lo chef Castellano (presente nel locale sin dai tempi di Elvira)- “Ieri, Oggi, Domani”, partendo dai classici della storia culinaria napoletana propone anche la mozzarella in tempura, i paccheri con pesce spada e mentuccia, gli spaghetti alla “puveriello”, le polpette di baccalà e papaccelle su vellutata d pan cotto e ancora, le salsicce di Castelpoto e friarielli in cialda di parmigiano fino a giungere ai dolci più amati dai napoletani. Tutte le proposte, sono strette a doppio filo alla tradizione e anche se affrontano il passare del tempo con qualche spunto di modernità non sono mai soggette a particolari stravolgimenti». E a ribadire il rispetto delle antiche regole è anche il maestro pizzaiolo di casa, Ostetrico che tra le “tradizionali” e le “speciali”, come la pizza “La Fila” con il cornicione ripieno di ricotta, sforna ogni giorno delizie al forno ad altissimi livelli. Attenti anche agli abbinamenti con i vini, tra cui, per il nuovo menù ad essere preferiti dal patron Casillo sono i campani Caprettone spumante di Casa Setaro e l’ Ottouve Gragnano di Salvatore Martusciello da “Ieri, Oggi, Domani” ogni cosa è possibile, come rivivere le gesta dei più grandi attori e gustare dei piatti capaci di oltrepassare il tempo e la storia.