Il cordoglio dell’Ordine per la morte della giornalista Marta Naddei: Trasmetteva gioia ed entusiasmo

293
In foto Marta Naddei

“La giornalista Marta Naddei sapeva trasmettere solo gioia ed entusiasmo. Quando veniva all’Ordine, quando la incontravi a Salerno, quando scriveva i suoi articoli di cronaca scrupolosi e documentati, Mai una lamentela. Sapeva trasmettere solo gioia ed entusiasmo. Così dobbiamo ricordarla”. Lo dichiara in una nota Ottavio Lucarelli, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania. “Il cordoglio che esprimiamo ai familiari e ai colleghi – aggiunge la nota – è quello di tutti gli amici che hanno avuto la fortuna di conoscere Marta, di ridere e scherzare con lei. Cordoglio di tutto l’Ordine dei giornalisti della Campania. Troveremo i modi giusti per ricordarla”.
La giornalista salernitana è morta per le conseguenze un incidente stradale, a bordo del suo motorino, sul lungomare Marconi a Salerno. Aveva 33 anni. Trasportata all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona e ricoverata in rianimazione, è deceduta nel pomeriggio di ieri. Marta Naddei collaborava con i giornali “Le Cronache” e “L’Ora di Cronache”, del quale figurava tra i fondatori. Autrice di tante inchieste, con Andrea Pellegrino ha scritto il libro “Il sistema Salerno – La cupola del potere tra politica e imprenditoria”.
Tanti i colleghi, gli amici e i rappresentanti delle istituzioni accorsi in ospedale nella speranza di una guarigione, tra questi anche il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli. “Esprimo ai familiari, colleghi e amici il profondo cordoglio mio personale e della Civica Amministrazione”, ha scritto Napoli in un post su Facebook. Naddei, aggiunge Napoli, “era una giovane giornalista di grande valore, scrupolosa e tenace nella ricerca di notizie e nel racconto documentato dei fatti. Quanto ci mancheranno la sua quotidiana presenza a Palazzo di Città, le sue domande argute, i suoi titoli geniali, i suoi articoli coraggiosi. Addio Marta, la tua giovane vita è stata un dono meraviglioso per la nostra comunità. Troveremo il modo per onorare degnamente la tua indimenticabile memoria”, conclude il sindaco di Salerno.
Tra i tanti messaggi di cordoglio quello dell’Associazione Giornalisti Salernitani. Il presidente Enzo Todaro, ha espresso “Personalmente e a nome dell’Ags le più sentite condoglianze alla famiglia ed al direttore di Le Cronache, Tommaso D’Angelo, giornale in cui Marta ha svolto, con rara onesta intellettuale e non comune senso della notizia, il suo ruolo di giornalista libera”.