Il jackpot di fine anno è stellare

41

Roma, 29 dic. (AdnKronos) – Il ‘6’ vale 78,5 milioni di euro, ottava vincita più alta di sempre nella storia del Superenalotto e attualmente jackpot più ricco d’Europa. A fare il punto è l’agenzia Agimeg che ricorda come sul primo gradino del podio dei premi più alti di sempre troviamo il ‘6’ realizzato il 30 ottobre 2010 grazie a un sistema che premiò 70 giocatori sparsi in tutta Italia – che si spartirono un bottino di 177,7 milioni di euro – seguito dai 163,5 milioni vinti a Vibo Valentia il 27 ottobre 2016 e dai 147 milioni vinti a Bagnone (Ms) nell’agosto 2009.

Il Superenalotto chiude il 2017 con una raccolta vicina a 1,4 miliardi di euro, un dato in linea con i risultati del 2016: i numeri – ricorda Agimeg – hanno beneficiato del jackpot da 93,7 milioni centrato a Mestrino (Pd) nel concorso del 25 febbraio, così come delle giocate che nella prima estrazione di agosto hanno portato alla caduta del ‘6’ da quasi 78 milioni di euro, vincita finita a Caorle (Ve), per un totale di 171,4 milioni.

Nel 2017 – in attesa dell’ultimo concorso dell’anno, in programma sabato 30 dicembre – si sono registrati anche otto ‘5+’ per un totale di 4,1 milioni di euro, e cinque ‘5 Stella’ per ulteriori 3,7 milioni. Senza contare i 20 milioni di euro dispensati nel concorso natalizio con i premi speciali, che hanno baciato l’Italia da Nord a Sud: la Lombardia si è piazzata al primo posto con 7 vincite, seguita dal Lazio con 4 (di cui 3 nella Capitale) e dalla Sicilia con 2. Poi una vincita milionaria a testa per Sardegna, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Campania e Piemonte, più un’altra vincita realizzata online.

Insomma, un anno ricco proprio nel ventennale della nascita del gioco di casa Sisal. Lo scorso 3 dicembre, infatti, il Superenalotto ha festeggiato 20 anni: dal 1997 a oggi – dalla prima vincita della storia da 11,8 miliardi di lire finita in provincia di Brescia il 17 gennaio 1998 fino al ‘6’ centrato lo scorso 1° agosto a Caorle – il Superenalotto ha complessivamente dispensato vincite per oltre 4,7 miliardi di euro, cifra che ha riguardato i soli premi di prima e seconda categoria, rispettivamente 3,3 miliardi grazie ai 118 ‘6’ sin qui realizzati e 1,4 miliardi di euro con i 651 ‘5+’ vinti. In due decenni, nella caccia alla sestina dei sogni sono stati giocati complessivamente 40,9 miliardi di euro, cifra che ha permesso allo Stato di beneficiare di oltre 20,1 miliardi di euro di entrate erariali.