Il lockdown in Australia e le ricadute sull’Italia

49
In foto Greg French
In funzione del recente lockdown in Australia deciso per l’ingente numero di persone colpite dal Covid 19 riportiamo la recente dichiarazione dell’Ambasciatore in Italia Greg French: “Il commercio internazionale è colpito in tutti i Paesi e anche i rapporti commerciali con l’Italia lo saranno anche se ad oggi non sappiamo esattamente quale sarà l’impatto. Ma nel prossimo anno ci aspettiamo una crescita del 4% e ci sarà anche una domanda per i prodotti italiani molto forte in Australia. Conosciamo la qualità italiana e sono convinto che vedremo una riapertura e una crescita dei rapporti commerciali”. E’ la previsione dell’ambasciatore australiano in Italia, Greg French, ospite di un forum all’ANSA. “Ma già adesso vedremo una prosecuzione degli investimenti in corso e dell’interesse in Australia per investimenti in Italia”, ha aggiunto il diplomatico ricordando alcuni progetti che vedono coinvolte aziende australiane. Tra tutti il Mind, Milano Innovation District, nell’ex area di Expo 2015, la cui capofila, l’australiana Landlease, “ha cinque miliardi di progetti in Italia – afferma French -: ho parlato con loro di recente e sono convinti di continuare a investire in Italia . L’epidemia di coronavirus in Australia “è stata un’esperienza molto difficile: per noi è stata molto importante l’esperienza dell’Italia, primo Paese occidentale seriamente colpito, abbiamo imparato molto e mandavamo rapporti tutti i giorni”, ha affermato French nel corso del Forum. “Abbiamo avuto un certo successo nel contenimento del contagio, abbiamo chiuso le frontiere molto velocemente e cominciato con tanti test. Abbiamo isolato rapidamente tutti i casi e visto molto rapidamente un calo dei contagi. Negli ultimi giorni non c’è stato nessun morto”, ha osservato il diplomatico. Riguardo le recenti tensioni tra Australia e Cina, French ha sottolineato che “il solo avversario è il virus e siamo convinti di dover lavorare strettamente con tutti gli altri Paesi del mondo per vincere. Non c’è spazio per avversari in questo contesto”.