Il marketing etico e non convenzionale di Optima Italia Spa

194

Optima Italia Spa, azienda leader nazionale nel settore multi-utility lancia per il terzo anno consecutivo il progetto Optima Erasmus, dedicato agli studenti vincitori di borsa Erasmus in partenza dall’Italia verso il resto d’Europa e dalla Spagna verso l’Italia. L’evento di lancio si è tenuto lo scorso 10 marzo alla presenza del Sindaco Luigi de Magistris, del critico musicale Red Ronnie e di Luca Tesauro Ceo e fondatore del Giffoni Innovatori Hub. Si tratta di una borsa di studio speciale, indirizzata a studenti in partenza con l’Erasmus che l’azienda napoletana Optima finanzia per celebrare il suo interesse verso i giovani, la loro formazione e la loro crescita culturale.

Optima Erasmus racchiude al suo interno un’idea radicalmente innovativa che rompe con gli schemi classici della pubblicità auto-referenziale dei grandi brand. Optima smette di parlare di sé stessa consegnando al web più di una ragione per riflettere sul mondo e sulle sub-culture giovanili. Sono in molti a chiedersi il perché di un investimento materiale e simbolico così consistente a favore delle giovani generazioni. Parliamo di 6 borse di studio, del valore di tremila euro ciascuna, di una macchina organizzativa complessa e strutturata per valorizzare le narrazioni prodotte dagli Optima Student. Selezionati grazie ad un gioco che combina il voto sulla rete con il parere vincolante di una giuria qualificata, gli assegnatari della borsa speciale sono chiamati a raccontare sulla piattaforma www.optimaerasmus.com la propria esperienza di vita e di studio all’estero. Lungo un intero semestre la piattaforma si popola di storie sui momenti più significativi, legati alla convivenza in casa tra studenti stranieri, alla preparazione dei cibi secondo le diverse tradizioni nazionali, alla scoperta delle città e delle culture nazionali di destinazione.

Il format del sociality è stato costruito da Optima Italia per seguire il processo di empowerment formativo determinato dall’esperienza di studio in un ateneo europeo, in cui lo studente deve sostenere gli esami in lingua e allo stesso tempo, confrontarsi con un modello di organizzazione universitaria diverso da quello di provenienza. L’Erasmus è l’unico vero progetto europeo che ha sviluppato integrazione reale tra i cittadini dell’Unione lavorando dal basso verso l’alto, quindi non calando un disegno preordinato ma facendo i conti con le esperienze maturate sul campo della crescita intellettuale delle future classi dirigenti. E sulla piattaforma di Optima Erasmus sono numerosissime le storie che certificano il carattere europeista del progetto. Gli studenti vincitori della borsa speciale si trasformano in veri e proprio citizen journalist che costruiscono un diario intenso ed appassionato del soggiorno all’estero spaziando dallo studio al tempo libero.

Lo studio è certamente fondamentale ma ad esso si affiancano una miriade di rituali altamente significativi, tutti fondamentali nella costruzione dell’esperienza all’estero e della crescita individuale dello studente. La considerevole distanza dalla propria famiglia, la conquista degli spazi di autonomia e di responsabilità, il mettersi in gioco nelle relazioni di gruppo da quelle casalinghe a quelle con docenti e studenti, il prendersi cura di sé stessi ma anche il divertimento, spesso sfrenato, tipico della fascia di età di questa popolazione studentesca. Difficile riscontrare un contest tanto articolato e in grado di mobilitare tanta allegria e partecipazione. I numeri realizzati nelle prime due edizioni sono davvero confortanti, partendo da 1.535.000 iterazioni web e social,  segnando 440.000 voti espressi in favore dei contenuti prodotti dagli Optima Erasmus Student, fino oltre 75.000 visualizzazione su youtube, per un totale di 175.000 visitatori unici sulla sola piattaforma dedicata. Un esperimento di marketing digitale allo stesso tempo etico e non convenzionale che conferma la vivacità di un’azienda napoletana pronta ad accettare le sfide della globalizzazione, senza rinunciare alla ricchezza delle storie personali e locali. Quest’anno le città narrate saranno Bucarest, Saragozza, Valencia, Cosenza, Reading, Roma, sedi di importanti atenei che aderiscono al progetto Erasmus e che impareremo a conoscere e scoprire grazie gli Optima Erasmus Student. Grazie a questo progetto, Optima Italia riesce a ribadire i contorni di uno stile di vita smart, caratterizzato dall’intelligenza che ciascuno può seguire ritrovandosi almeno una volta nella comunità di valori e di progetti di cui l’azienda si fa portavoce.