Il Movimento dei Sudisti non abbandona l’ipotesi Mara Carfagna leader: incontro a Roma

46
In foto Mara Carfagna

di Biagio Maimone

Il Movimento dei Sudisti Italiani si è riunito a Roma, in un caffè, per decidere in merito alle azioni da intraprendere e alla data in cui rendere ufficiale l’ingresso del Movimento nel mondo politico. All’incontro informale hanno preso parte alcuni Onorevoli di Forza Italia e qualcuno afferma che ai futuri incontri parteciperanno anche Onorevoli e Senatori del M5S e del Partito Democratico.
Esiste un denominatore comune relativamente ai nomi a cui si intende far riferimento, in quanto si auspica all’unanimità che Mara Carfagna, nonostante la riappacificazione con Berlusconi ieri sera ad Arcore, possa essere ancora disponibile a guidare il Movimento, sia in quanto meridionale, sia in quanto si apprezza la sua visione democratica della politica. Una donna, quindi, alla guida del Movimento, magari insieme a Gianfranco Rotondi, il quale ha definito il progetto politico dei Sudisti un disegno affascinante. Tale progetto politico sarà proposto anche al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in quanto anch’egli attento alla questione meridionale, tuttavia ancora impegnato nella guida del governo.
Alcuni esponenti del Movimento vorrebbero tra le propria fila anche l’attuale procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho, al fine di rimarcare gli intenti di equità e di giustizia che dovranno dirigere l’azione politica del Movimento.
Saranno coinvolte trasversalmente varie forze di diversa natura politica con l’ unico intento di dare impulso alla rinascita del Meridione attraverso l’impegno di personaggi del mondo della politica, della cultura e della società civile. Il Movimento nascerà a Milano in quanto, come sostengono gli ideatori, il Sud deve arrivare al Nord, nel Nord di Salvini e conquistarlo con un progetto di alto livello umanitario e democratico e da Milano tornare al Sud.
Intellettuali del Nord ed intellettuali del Sud dovranno porsi al servizio del Mezzogiorno al fine della sua emancipazione sociale ed economica.
Uno dei portavoce del Movimento ha dichiarato: “Non sarà Salvini a conquistare il Sud facendo leva sulla paura sociale del popolo meridionale, ma saremo noi a conquistare il Nord con un’autentica politica di coesione e di democrazia”.
Sperano, inoltre, che sia proprio Mara Carfagna a presentare il Movimento, nella città di Milano, entro la fine dell’anno.