Il Pakistan rischia di affrontare un’altra ondata di COVID-19 questo inverno

67

LA MENTE INTELLETTUALE DEL PAKISTAN CONDIVIDE LE VERE CONOSCENZE DELLA PANDEMIA E COME CONTROLLARLA

I Report giunti dal Pakistan hanno mostrato che la repubblica dell’Asia meridionale è lontana dalla completa eradicazione del Coronavirus. Il rinomato specialista pakistano in malattie infettive, il Dottor Umar Saeed, ha recentemente affermato in un’intervista che le ondate di coronavirus potrebbero essersi mitigate nel paese, ma non è ancora finita. Il dottor Saeed ha contribuito notevolmente al campo della medicina molecolare e ha un background formativo di dottorato di ricerca e post dottorato in Corea del Sud.

“Le mutazioni non possono essere completamente previste in termini di letalità e tasso di diffusione poiché erano specifiche dell’origine della replicazione”. Ha detto il dottor Saeed, in una recente intervista sulla diffusione della pandemia in Pakistan. “Ad esempio, la variante Omicron non era letale come SARS-COV2 ma aveva un tasso di infezione più rapido, che in effetti può aumentare la tendenza dei virus a mutare e rende anche inefficace la capacità dei vaccini”. Ha aggiunto. Secondo il dottor Saeed, la ricerca suggerisce anche che sono necessarie dosi di richiamo per mantenere gli anticorpi nel tempo se si vuole mantenere l’immunità.

Pur condividendo le sue preziose intuizioni sulla diffusione della pandemia, ha anche affermato che quando l’inverno arriverà, è probabile che il rischio di infezioni aumenti, il che potrebbe comportare un aumento delle possibilità di contrarre il virus non rilevati e di mescolanza con altri virus come l’influenza ecc. Questa situazione si è verificata anche l’anno scorso quando è arrivata la stagione invernale e molti pakistani hanno sofferto di una vasta gamma di malattie tra cui COVID-19.

Inoltre, il dottor Saeed ha anche una borsa di studio nella ricerca clinica presso Harvard negli Stati Uniti ed è stato anche associato a FPH dal Royals College UK. Pur condividendo i suoi pensieri sulla rinascita del coronavirus in Pakistan, ha anche affermato che poiché il virus era basato sull’RNA, aveva un alto potenziale di mutazione e quindi i vaccini attualmente disponibili sul mercato non erano in grado di coprire tutte le varianti di Sars-cov2.

“In generale, c’è poco rischio di coinfezione poiché il virus prende la cellula per proliferare. Ma nei casi di coinfezione i vaccini potrebbero non essere in grado di fare molto poiché i sistemi di rilevamento non sono in atto “, ha affermato il dott. Saeed. “Misure preventive estremamente caute dovrebbero essere prese nel periodo invernale e consigliare al pubblico di mantenere le precedenti misure precauzionali di allontanamento sociale, indossare mascherine, uso frequente di disinfettanti, monitoraggio del tasso di casi di Covid e altre misure di prevenzione adeguate” ha aggiunto. Lo specialista ha affermato che i bambini di tutte le età non sono stati completamente vaccinati, quindi la possibilità di diffondere loro l’infezione rimane la stessa, pertanto è stata richiesta molto seriamente la vigilanza nella condotta pubblica.

Il dottore ha anche affermato che una politica preventiva era il comportamento modello e si basava molto sul comportamento delle masse. A questo, ha detto che il popolo cinese ha dato un esempio in cui il suo eccellente comportamento ben disciplinato ha aperto la strada alla difficile situazione della pandemia e le masse in Cina hanno seguito rigorosamente le politiche preventive, introdotte dal governo mentre nel mondo occidentale, in cui l’idea di “immunità di gregge” è stata enfatizzata è rimasta un sogno inverosimile.