Il presidente della Corte d’Appello di Napoli: In calo tutti i reati meno quelli informatici

251
In foto Giuseppe De Carolis di Prossedi, presidente della Corte d'Appello di Napoli

Nel 2020 nel territorio di Napoli e provincia si è registrata “una notevole riduzione dei reati”, 18,15% in meno rispetto al 2019: da 130.306 a 106.653. Il dato è stato fornito dal presidente della Corte d’Appello di Napoli, Giuseppe De Carolis di Prossedi, presentando l’andamento della giustizia e gli indici della criminalità nel distretto in vista dell’inaugurazione dell’anno giudiziario, prevista sabato. “Quasi tutti i delitti – spiega De Carolis – risultano diminuiti in modo significativo”. Gli unici delitti che risultano aumentati in modo significativo sono quelli informatici. “E’ pur vero – ragiona De Carolis – che sulla diminuzione dei delitti e in particolare di quelli più gravi e di maggior allarme sociale, come quelli predatori, hanno sicuramente inciso le restrizioni alla mobilità dovute alla pandemia, che non hanno invece avuto ovviamente alcuna incidenza sui delitti informatici, ma è altrettanto vero che la tendenza positiva della diminuzione dei delitti è stata costante negli ultimi anni ed è analoga anche nei territori di Caserta, Avellino e Benevento e rispettive province, come risulta dai dati forniti dalle locali Questure”.