Il titolo Ferrari debutta in Borsa. Siparietto tra Marchionne e Renzi

32
Ferrari debutta a Piazza Affari a 43 euro per azione. A New York, nell’ultima seduta dello scorso anno, il titolo della Rossa di Maranello aveva chiuso a 48 dollari (circa 44 euro), con una capitalizzazione di mercato di circa 8,32 miliardi di euro. All’esordio nel listino di Milano il presidente del Cavallino, Sergio Marchionne, i vertici di Fca, con John Elkann in testa, e il presidente del consiglio dei ministri Matteo Renzi. La cerimonia di quotazione di Ferrari alla Borsa di Milano si apre con un video omaggio al fondatore della casa, Enzo Ferrari, e ai quasi 70 anni di storia del cavallino. La quotazione è stata presentata come “un nuovo capitolo” della grande storia del brand, del quale sono stati sottolineati “attenzione al dettaglio, innovazione ed esclusività”. 

Fiat Chrysler corre da sola
Fca apre la seduta a Piazza Affari a 8,48 euro per azione dopo che è diventato operativo lo scorporo della Ferrari. Fca aveva chiuso l’ultima seduta dell’anno a 12,92 euro, con una capitalizzazione di mercato di 16,6 miliardi. L’80 per cento di Ferrari in pancia a Fca valeva, all’ultima chiusura di New York, circa 6,65 miliardi di euro.

Sprint verso il futuro
“Con la quotazione si è aperto un nuovo capitolo. E’ un nuovo traguardo, una nuova partenza”. Così il presidente di Ferrari, Marchionne, dopo il debutto della casa di Maranello in Borsa. “Competere sul listino di Milano per la Ferrari è come tornare alle origini”, aggiunge. Non sfugge, al numero uno di Maranello, la presenza del premier. “Grazie al premier Renzi che nonostante la sua agenda fitta di impegni ha trovato il tempo per essere qui e onorarci. Gli siamo molto grati per questo e per quello che sta facendo per il Paese”. Immediata la replica. “Ringrazio io Marchionne – dice Renzi – per aver scelto di quotare Ferrari a Milano. Credo che la quotazione della Ferrari a Piazza Affari sia una straordinaria occasione per gli investitori, per chi crede nella bellezza che si coniuga all’innovazione e all’ingegneria e una straordinaria occasione per l’intero Paese”: