Immobili, compravendite a Napoli tornano a livelli pre crisi

47

Si conferma il progressivo miglioramento del mercato immobiliare a Napoli dove le compravendite residenziali tornano a livelli pre-crisi. Il quadro emerge dall’analisi contenuta nel 2° Osservatorio Immobiliare 2017 di Nomisma. Nel primo semestre di quest’anno, il mercato immobiliare napoletano, segnala l’Osservatorio, continua ad essere caratterizzato da un maggior dinamismo del segmento residenziale rispetto agli immobili d’impresa, che scontano gli effetti del ridimensionamento delle attività economiche”. Per quanto riguarda il segmento residenziale, il graduale recupero del mercato partenopeo si rileva in particolare nel deciso aumento delle compravendite (+17,1% nel 2016), che superano i livelli del 2011, e nella progressiva diminuzione della flessione dei prezzi che tendono ad una graduale stabilizzazione, sia per le abitazioni usate che nuove. Il comparto residenziale di Napoli anche nel primo semestre del 2017 appare in progressivo miglioramento rispetto all’attuale congiuntura immobiliare. Ne è testimone la consistente ripresa delle compravendite che riporta il mercato ai livelli pre-crisi. La flessione media dei prezzi di mercato, infatti, si sta progressivamente assottigliando sia per le abitazioni usate che nuove, risultando pari a -0,4% a livello semestrale e -1,2% su base annua. A livello localizzativo, rileva l’Osservatorio Nomisma, si conferma una maggiore tenuta dei prezzi delle abitazioni del centro di Napoli e delle zone di pregio, per quanto riguarda l’usato, sostenuta da un aumento della domanda di abitazioni signorili, mentre si riscontra una maggiore difficoltà di assorbimento delle location più periferiche e caratterizzate da un minor livello qualitativo degli immobili, con una flessione dei prezzi del -1%. Anche i tempi di vendita risultano in diminuzione a Napoli, arrivando mediamente a 6,5 mesi sia per le abitazioni usate che nuove, rimanendo però ancora distanti dai valori pre-crisi. Il miglioramento delle compravendite è favorito anche dagli elevati sconti applicati in fase di trattativa che risultano al di sopra della media delle 13 città sia per gli immobili usati che per le abitazioni nuove, segno di una maggiore elasticità da parte dell’offerta. Per gli immobili nuovi i divari percentuali si stanno via via contraendo (12%), mentre per l’usato lo sconto rimane stabile intorno al 17% ed è più marcato per gli immobili siti nella periferia. Nel primo semestre 2017 si avvertono ulteriori segnali di stabilità del mercato dell’affitto, con una crescita della domanda a fronte di un’offerta che si sta via via stabilizzando. Non si evidenziano sostanziali variazioni dei rendimenti potenziali lordi da locazione, che si consolidano intorno al 6,1%. Per quanto riguarda le tipologie contrattuali, i cittadini napoletani fanno ricorso prevalentemente al canone libero (52,1%), in misura ben superiore alla media delle 13 città (38,7% dei contratti), oltre ad un significativo utilizzo del canone concordato. Il settore commerciale, segnala ancora l’Osservatorio Nomisma, vede il permanere di segnali di debolezza che derivano da una domanda di acquisto e di locazione asfittica, soprattutto nelle zone periferiche, e da un’offerta in esubero, spesso non adeguata alle esigenze del mercato. I tempi medi di vendita rimangono stabili, mentre gli sconti applicati in fase di trattativa si riducono lievemente, come i tempi di locazione. Dal punto di vista localizzativo, i negozi che scontano maggiormente la debolezza del mercato immobiliare sono quelli periferici, soprattutto in relazione ai tempi di assorbimento sul mercato, che sono più lunghi rispetto agli immobili del centro città, e rispetto agli sconti applicati in fase di trattativa.