Impiantato al Monaldi di Napoli un cuore bioartificiale totale. Intervento senza precedenti in Europa

55
In foto l'ospedale Monaldi

E’ l’ospedale Monaldi di Napoli, che fa parte dell’azienda sanitaria delli Colli ma che ha una lunga tradizione di chirurgia del cuore, il primo nosocomio in Europa a impiantare un cuore bioartificiale totale Carmat Aeson, dopo la sperimentazione clinica. L’intervento a un paziente di 56 anni non candidabile a trapianto di cuore tradizionale. Il dispositivo, a differenza del device Syncardia, che è totalmente meccanico, ha le valvole biologiche e funziona con piccoli motori elettrici che pompano il sangue nell’aorta o nell’arteria polmonare; inoltre, è progettato per autoregolare la gittata del flusso sanguigno grazie alla presenza di sensori e software.
“Il device – spiega Marisa De Feo, direttore della Uoc di Cardiochirurgia generale e direttore del dipartimento di Cardiochirurgia e dei Trapianti – permetterà di ripristinare la funzionalità polmonare necessaria per avviare l’iter per l’inserimento in lista trapianti dell’uomo. La gestione ottimale di questa procedura e’ stata possibile grazie a un lavoro multidisciplinare e alla cooperazione tra chi, nel nostro dipartimento, da anni, seleziona pazienti con appropriata indicazione a impianto di cuore artificiale totale e gli specialisti di Carmat che ci hanno seguito sia nella fase di training, avvenuta presso il laboratorio dell’ospedale Georges Pompidou di Parigi, che durante la delicata fase operatoria e perioperatoria”. “Questa nuova tecnologia – aggiunge – è molto più silenziosa e di più agevole gestione nella fase post operatoria, e assicura ai pazienti una migliore qualità della vita”. L’uomo è ricoverato in terapia intensiva cardiochirurgica, ed è costantemente monitorato, ma le sue condizioni sono stabili, con respiro spontaneo. Vista la delicatezza dell’intervento, la prognosi resta riservata.